Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Logo LUISS

La vigilanza della BCE e le conseguenze sul sistema bancario italiano

La vigilanza della BCE e le conseguenze sul sistema bancario italiano

25 maggio 2016

Il terzo incontro sarà introdotto da Marcello Clarich (Professore di Diritto amministrativo nel Dipartimento di Giurisprudenza e attuale Presidente della Fondazione Monte dei Paschi di Siena) e verterà sul tema dell'impatto del nuovo modello della vigilanza della Banca Centrale Europea sul sistema bancario italiano.

Il Single Supervisory Mechanism, operativo dal 4 novembre 2014, prevede l'attribuzione alla Banca centrale europea di poteri di vigilanza diretta sulle maggiori istituzioni bancarie europee ad opera del Regolamento (UE) n. 1024/2013 Esso ha costituito una risposta istituzionale all'aggravarsi della crisi finanziaria nel 2012 all'interno del progetto complessivo della Banking Union. Quest'ultimo prevede anche un sistema di gestione delle crisi bancarie accentrato a livello europeo (Single Resolution Mechanism) in vigore dal 1 gennaio 2106 e un sistema comune di garanzia dei depositi ancora in corso di discussione.

La nuova architettura europea della vigilanza finanziaria ha avuto un impatto rilevante sul sistema bancario italiano. In particolare, ha determinato la necessità di rafforzare sul piano patrimoniale numerosi istituti di credito anche all'esito delle risultanze degli "stress test", di accelerare la riforma delle banche popolari, di promuovere una riduzione del peso delle Fondazioni bancarie nell'azionariato delle banche, di attuare interventi legislativi straordinari per fronteggiare la crisi di alcune banche, di individuare soluzioni di sistema, compatibili con la disciplina europea degli aiuti di Stato, come da ultimo il Fondo Atlante. Le maggiori banche nazionali sottoposte alla vigilanza diretta della Banca centrale europea hanno dovuto rapportarsi con interlocutori che hanno instaurato stili e prassi di vigilanza molto diverse da quelle tradizionali. 

All’incontro hanno preso parte l’Ambasciatore d’Italia in Belgio Vincenzo GrassiMarco Buti (Direttore Generale DG Affari Economici e Finanziari, Commissione Europea), Daniele Bastianelli (Direttore Monte Paschi Francia), Roberto Bonucci (Direttore Monte Paschi Belgio),  Daniele De Gennaro (Policy Adviser per i Mercati Finanziati per la European Banking Federation), Beatrice Vaccari (Senior Manager per Affari Pubblici Europei per la BNP Paribas Fortis), Francesca Passamonti (Responsabile della Regolamentazione Europea e Affari Pubblici per Intesa San Paolo).

Approfondimento

Partecipanti all'incontro del 25 maggio 2016

Resoconto