Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Diritto penale 1 - Canale B

Programma

DocenteAngelo Carmona
Codice Corso693
Settore scientifico disciplinare (SSD)IUS/17
Anno di corso3
SemestreI Semestre
CanaleB
Lingua dell'insegnamentoItaliano
Numero totale di crediti9
Carico di lavoro globale195
Ore didattica frontale60
Contenuti del corsoIl corso si articola nei seguenti temi: i principi costituzionali in materia penale; la legge penale; la struttura del reato; le forme di manifestazione del reato; il reo; le conseguenze giuridiche del reato (con esclusione delle specifiche misure di sicurezza e delle obbligazioni civili nascenti da reato).
Testi di riferimentoFiandaca-Musco, Diritto penale, Parte generale, Zanichelli, Bologna, ult. ed. N.B. : Il corso in aula non esaurisce gli argomenti che saranno oggetto della prova di esame e che sono tutti quelli contenuti nel Manuale di riferimento con esclusione dei seguenti: a) parte I cap.III; b) parte VII cap. V § 8,9,10,11,12,13,14,15,16,17,18; c) parte VII cap VI; d) parte VIII nei cap. I e II).
Obiettivi formativiFornire allo studente l'illustrazione dei principi costituzionali in materia penale, degli istituti codicistici e delle categorie generali, indicandogli i corretti percorsi logico-giuridici del metodo.
Prerequisitinessuno
Metodi didattici-didattica frontale
-esercitazioni individuali
-analisi di casi
Modalità di verifica dell'apprendimentoESAME ORALE
Criteri per l'assegnazione dell'elaborato finaleSuperamento dell'esame di Diritto penale 1 con votazione non inferiore a 26 Numero degli esami da sostenere non superiore a 8
Programma esteso e materiale didattico di riferimento
Settimana 1INTRODUZIONE AL SISTEMA PENALE
Nozioni generali
Introduzione § XV - XXXVII
Il carattere politico del diritto penale; dalla repressione al controllo sociale.
L'efficace applicazione del diritto penale
Introduzione § XV - XXXVII
Il bene giuridico e la frammentarietà dell'intervento
La sussidiarietà del diritto penale. Il bene giuridico nella sistematica del Codice Rocco. La concezione costituzionalmente orientata del bene giuridico. La frammentarietà e le tecniche di incriminazione
Parte prima Cap I, § 1,2,3,4,5
Il principio di materialità. Il diritto penale del fatto
Parte prima Cap I, § 1,2,3,4,5
La Costituzione e il Codice Rocco
Parte prima Cap I, § 6,7,8
Settimana 2I PRINCIPI COSTITUZIONALI
Il principio di legalità. Il fondamento politico costituzionale. I corollari.
Parte prima, Cap. II § 1 ,7
La riserva di legge. Le fonti secondarie. La norma penale in bianco. La legge regionale
Parte prima, Cap. II § 2,3,4,5,6
La determinatezza e la tassatività. Le tecniche di redazione della fattispecie: elementi descrittivi e elementi normativi. La giurisprudenza costituzionale: la fattispecie di plagio
Parte prima, Cap. II § 8,9
Il divieto di analogia. L'analogia in malam partem. L'analogia in bonam partem
Parte prima, Cap. II § 19
L'irretroattività. L'abolitio criminis. La successione di leggi nel tempo.
Parte prima, Cap. II § 10,11,12,13,14,15,16,17,18
Settimana 3IL PRINCIPIO DI PERSONALITA'
La responsabilità per fatto altrui. La lettura giurisprudenziale dell'art. 27 Cost. fino al 1988
Parte seconda, Cap III, Sezione I, § 1
Il principio di colpevolezza. Le sentenze della Corte costituzionale n. 364 e n. 1085 del 1988
Parte seconda, Cap III, Sezione I, § 2
La responsabilità oggettiva. Le diverse ipotesi. L'esigenza di una interpretazione costituzionalmente conforme
Parte quinta, Cap I, § 1,2,3,4,5,6
La “colpa in concreto”; nella lettura delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione. L'art 586 c.p. e la responsabilità dello spacciatore per la morte del tossicodipendente.
Cassazione penale, Sezioni Unite, sentenza 29 maggio 2009, n. 22676
La responsabilità degli enti. Il d.lgs. 231/2001 e l'art. 27 Cost.
Parte prima, Cap. V, Sezione I, § 6,7
Settimana 4IL REATO
La teoria bipartita e la teoria tripartita. L'elemento oggettivo e l'elemento soggettivo del reato. Il fatto tipico, l'antigiuridicità, la colpevolezza
Parte prima, Cap V, Sezione II, § 1,2 ,3,4,5,6
Il fatto tipico. Tipicità e offesa al bene giuridico
Parte seconda, Cap I, § 1
Il fatto tipico
Parte seconda, Cap I, § 1
L'azione
Parte seconda, Cap I, § 2,3,4,5 Lezione 5.
La suitas
La coscienza e la volontà dell'azione
Parte seconda, Cap I, § 2
Settimana 5IL REATO
L'omissione. Le costruzioni tradizionali. Reati omissivi propri e impropri
Parte quarta, Cap I, Sezione I, § 1,2,3 e Sezione II, § 1,2,
L'art. 40 cpv c.p.. La teoria del trifoglio
Parte quarta, Cap I, Sezione II, § 3,4,5,6
Le posizioni di garanzia. La posizione di protezione. La posizione di controllo
Parte quarta, Cap I, Sezione II, § 7
L'evento. L'evento in senso naturalistico e l’evento in senso giuridico
Parte seconda, Cap I, § 6
Le condizioni obiettive di punibilità. Criteri distintivi. Condizioni intrinseche e condizioni estrinseche. Condizione obiettive e principio di colpevolezza
Parte quinta, Cap I, § 7 e Parte settima, Cap IV, § 1
Settimana 6LA CAUSALITA'
Il rapporto di causalità. Le costruzioni tradizionali
Parte seconda, Cap I, § 7,8,9,10,11,12,13
L'evoluzione giurisprudenziale. La sentenza delle Sezioni Unite nel caso “Franzese”;
Cassazione penale, Sezioni Unite, sentenza 12 luglio 2002, n. 30328
Le concause. Le concause antecedenti, sopravvenute e concomitanti. Le cause sopravvenute che interrompono il rapporto di causalità
Parte seconda, Cap I § 14
Esercitazione
Esercitazione
Settimana 7L'ANTIGIURIDICITA'
L'antigiuridicità di “secondo livello”. Fondamento sostanziale e sistematica delle cause di giustificazione
Parte seconda, Cap II, § 1, 2
La disciplina delle cause di giustificazione. La rilevanza obiettiva delle cause che escludono la pena
Parte seconda, Cap II, § 1, 2, 3
Le singole cause
Parte seconda, Cap II, § 4,5,6,7,8,9
L'errore putativo. L'errore scusabile sulla sussistenza della scriminante
Parte seconda, Cap II, § 3
L'eccesso colposo. L'erronea valutazione della situazione di fatto. L'errore esecutivo
Parte seconda, Cap II, § 3
Settimana 8LA COLPEVOLEZZA: IL DOLO
La struttura del dolo. La rappresentazione. La volizione
Parte seconda, Cap III, Sezione III, § 1,2
L'oggetto del dolo. La teoria dell'evento in senso naturalistico. La teoria dell'evento in senso giuridico. La teoria del fatto tipico
Parte seconda, Cap III, Sezione III, § 3,4
L'accertamento del dolo
Parte seconda, Cap III, Sezione III, § 5.1
Le forme del dolo. Dolo generico e dolo specifico. Dolo intenzionale, dolo diretto, dolo eventuale
Parte seconda, Cap III, Sezione III, § 5
Il regime dell'errore. L'errore di fatto. L'errore di diritto. L'errore su legge extrapenale
Parte seconda, Cap III, Sezione IV, § 1,2,3,4,5
Settimana 9LA COLPEVOLEZZA: LA COLPA
La struttura della colpa. La violazione della regola cautelare
Parte terza, Cap I, Sezione I, Sezione II, Sezione III
La colpa generica. La regola cautelare “sociale”; La negligenza. L'imprudenza. L'imperizia
Parte terza, Cap I, Sezione I, Sezione II, Sezione III
La colpa specifica. La cristallizzazione della regola cautelare
Parte terza, Cap I, Sezione I, Sezione II, Sezione III
L'accertamento della colpa. L'accertamento della colpa generica. L'agente modello. Prevedibilità e evitabilità dell'evento. L'accertamento della colpa specifica. La violazione della regola cautelare scritta. La concretizzazione del rischio
Parte terza, Cap I, Sezione I, Sezione II, Sezione III
L'aberratio. L'errore nei mezzi di esecuzione. L'aberratio ictus. L'aberratio delicti
Parte seconda, Cap III, Sezione V, § 1,2
Settimana 10LE FORME DI MANIFESTAZIONE DEL REATO . IL CONCORSO DI PERSONE
Il concorso di persone. Il modello unitario e il modello differenziato. Gli elementi costitutivi del concorso di persone
Parte seconda, Cap VI § 1,2,3,4,5,8,9,10,11,14,15,16,17,18
Il contributo causale del concorrente. I limiti della teoria condizionalistica. La causalità agevolatrice
Parte seconda, Cap VI § 6,7
La cooperazione colposa. La cooperazione colposa ed il concorso di cause colpose indipendenti
Parte terza, Cap I, Sezione IV, § 1
Il concorso nel reato diverso da quello voluto da un concorrente. Una ipotesi di responsabilità oggettiva. La sentenza della Corte costituzinale n. 42 del 1965. La prevedibilità in astratto e la prevedibilità in concreto
Parte seconda, Cap VI § 12
Il concorso nel reato proprio. Reati propri esclusivi e non esclusivi. Il mutamento del titolo del reato. Una ipotesi di responsabilità oggettiva
Parte seconda, Cap VI § 13
Settimana 11LE FORME DI MANIFESTAZIONE DEL REATO. IL TENTATIVO E LE CIRCOSTANZE
La struttura del tentativo. L'idoneità degli atti
Parte seconda, Cap V §1,2,3,4,5,7,8,9,10,11
La struttura del tentativo. L'univocità degli atti
Parte seconda, Cap V §1,2,3,4,5,7,8,9,10,11
Tentativo e dolo eventuale. L'orientamento giurisprudenziale: il caso del lancio dei sassi dal cavalcavia
Parte seconda, Cap V § 6 e Cassazione penale, Sez. I, sentenza 11 febbraio 2005, n. 5436
Le circostanze. La classificazione. Il criterio di imputazione
Parte seconda, Cap IV
Il bilanciamento delle circostanze
Parte seconda, Cap IV, § 6
Settimana 12IMPUTABILITA'. PENE E MISURE DI SICUREZZA L'imputabilità nella teoria tripartita. Fondamento dell'imputabilità
Parte seconda, Cap III, Sezione II, § 1
Le singole cause di esclusione dell'imputabilità
Parte seconda, Cap III, Sezione II, § 2,3,4,5,6
L'actio libera in causa
Parte seconda, Cap III, Sezione II, § 7
Le funzioni della pena. La funzione retributiva. La funzione general preventiva. La funzione specialpreventiva. La funzione rieducativa
Lezione 4 Parte settima, Cap I
Le misure di sicurezza. I presupposti applicativi. La classificazione
Parte settima, Cap V, § 1,2,3,4,5,6,7