Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Diritto dell'unione europea - Canale C

Programma

DocenteGian Luigi Tosato
Codice Corso696
Settore scientifico disciplinare (SSD)IUS/14
Anno di corso2
SemestreII Semestre
CanaleC
Lingua dell'insegnamentoItaliano
Numero totale di crediti9
Carico di lavoro globale195
Ore didattica frontale60
Contenuti del corsoOrigini ed evoluzione dell’integrazione europea. Obiettivi e principi dell’U.E. e dei trattati. L’evoluzione dei Trattati istitutivi. La tutela dei diritti fondamentali e la cittadinanza europea. La ripartizione delle competenze tra U.E. e Stati membri. Il quadro istituzionale. Le fonti di diritto dell’U.E. La tutela giurisdizionale nell’U.E. I rapporti tra l’ordinamento dell’U.E. e l’ordinamento italiano. La costituzione economica dell’U.E.
Testi di riferimentoA scelta dello studente, un manuale fra i seguenti: Roberto Adam, Antonio Tizzano, Lineamenti di Diritto dell’Unione europea, Torino, Giappichelli, ult. ed.; Giorgio Gaja, Adelina Adinolfi, Introduzione al diritto dell’Unione europea, Bari/Roma, Laterza, ult. ed.; Luigi Daniele, Diritto dell’Unione europea, Sistema istituzionale – Ordinamento – Tutela giurisdizionale – Competenze. Quarta edizione, Giuffré, Milano, ult. ed.; Ugo Villani, Istituzioni di Diritto dell’Unione Europea, ult. ed., Bari, Cacucci; G. Tesauro, Diritto dell'Unione europea, Cedam, Padova.
In ogni caso lo studio del manuale deve essere affiancato dalla consultazione delle norme del Trattato sull’Unione europea (TUE) e del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE) analizzate a lezione e citate nel libro di testo.
Obiettivi formativiIl Corso è dedicato all’analisi e allo studio dell’ordinamento dell’Unione europea attraverso l’evoluzione dei trattati istitutivi e della giurisprudenza della Corte di giustizia. Si metteranno in luce gli obiettivi, le caratteristiche fondamentali e la complessità del percorso di integrazione europea.
PrerequisitiFrequenza delle lezioni e delle esercitazioni. Superamento degli esami propedeutici
Metodi didatticiDidattica frontale, discussione orale, analisi della giurisprudenza, esercitazione scritta
Modalità di verifica dell'apprendimentoprova scritta (50%); prova orale (50%)
Criteri per l'assegnazione dell'elaborato finaleSuperamento dell’esame di profitto, interesse all’approfondimento critico della disciplina, attitudine alla ricerca bibliografica e giurisprudenziale, adeguata conoscenza della lingua inglese.
Programma esteso e materiale didattico di riferimento
Settimana 1Presentazione del Corso
La genesi dell’integrazione europea. La Dichiarazione Schumann.
L’integrazione per tappe.
Settimana 2Gli strumenti giuridici alla base del processo di integrazione europea.
Il rapporto tra diritto UE e diritto nazionale (sentenza Costa c. ENEL).
Il principio di leale cooperazione.
Settimana 3I valori e principi fondamentali dell’ordinamento dell’UE.
La tutela dei diritti fondamentali.
Settimana 4Il sistema giurisdizionale dell'UE.
Il rinvio pregiudiziale e i ricorsi diretti.
Settimana 5La ripartizione di competenze tra UE e Stati membri.
Settimana 6Le fonti normative del diritto dell'UE.
La gerarchia tra le fonti del diritto UE:
L'effetto diretto (la sentenza Van Gend).
Settimana 7L'evoluzione del sistema istituzionale dell'UE.
Le Istituzioni intergovernative e le Istituzioni sovranazionali.
Settimana 8Il potere legislativo e il potere esecutivo nell'UE.
La funzione amministrativa.
Settimana 9L'integrazione differenziata.
Un esempio: l'UEM
Settimana 10L'economia sociale di mercato.
Settimana 11L'Unione Bancaria.
Settimana 12La politica di immigrazione.