Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Storia del diritto - Canale C

Programma

DocenteLorenzo Sinisi
Codice Corso807
Settore scientifico disciplinare (SSD)IUS/19
Anno di corso1
SemestreI Semestre
CanaleC
Lingua dell'insegnamentoItaliano
Numero totale di crediti14
Carico di lavoro globale298
Ore didattica frontale88
Contenuti del corsoLa materia riguarda l’analisi delle esperienze giuridiche (sia privatistiche che
pubblicistiche) dal mondo antico all’età contemporanea, con specifico riferimento
tanto alle fonti (giurisdizionali e legislative) quanto alla dottrina.
Particolare attenzione verrà dedicata altresì all’evoluzione del sistema delle fonti tra
diritto statuale e diritto sovranazionale.
Le conoscenze che emergeranno dal corso non saranno racchiuse in un guscio
atemporale, bensì rapportate alle dinamiche della società contemporanea, filtrate
attraverso “lenti” particolari, quelle, appunto, dello storico del diritto.
Testi di riferimentoPER GLI STUDENTI FREQUENTANTI è richiesto lo studio dei volumi:
- G.S. PENE VIDARI, “Storia del diritto. Età medievale e moderna”, Giappichelli,
Torino, 2014 (pp. 284)
- R. FERRARI ZUMBINI, "Tra norma e vita.Il mosaico costituzionale a Torino
(primavera 1846-primavera 1849)", in corso di pubblicazione con Luiss University
Press.
E' inoltre fortemente consigliata la lettura di G.S. PENE VIDARI, “Storia del diritto.
L’età contemporanea”,Giappichelli, Torino, 2014, (pp. 234)
PER GLI STUDENTI NON FREQUENTANTI è richiesto inoltre lo studio di:
- E. GENTA, "Dalla Restaurazione al Risorgimento. Diritto, Diplomazia,
Personaggi", Giappichelli, Torino, 2012, (pp. 300)
Obiettivi formativiAttraverso l’esame delle trasformazioni subite dal diritto nel tempo, il corso intende
favorire nello studente la consapevolezza del divenire di ogni fenomeno giuridico.
Un approccio non solo nozionistico alla materia si propone di formare nel discente
autonomia di giudizio ed offrire, attraverso un sano spirito critico, la prismaticità del
dato giuridico
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezioni, esercitazioni, seminari
Modalità di verifica dell'apprendimentoPER I FREQUENTANTI:
prova orale (80%) ed una prova scritta - questionario a risposta aperta - per
valutare la frequenza alle esercitazioni (20%).
PER I NON FREQUENTANTI:
prova orale (100%)
Criteri per l'assegnazione dell'elaborato finalePer l’anno accademico in corso si privilegiano elaborati aventi ad oggetto tematiche
di storia costituzionale italiana ed europea.
Programma esteso e materiale didattico di riferimento
Settimana 1- COS'E' IL DIRITTO?
Nozione di diritto , di certezza del diritto e del diritto come equilibrio.
Personalità/territorialità del diritto;
Oralità/scrittura del diritto;
La professio iuris ed il ruolo del notaio tra Medioevo e società contemporanea.
- DAL CORPUS IURIS ALL’ALTO MEDIOEVO
Corpus iuris e sua disgregazione: il diritto bizantino:
Il diritto barbarico e la contaminazione: le leges barbarorum;
I longobardi, l’editto di Rotari e le sue modificazioni.
L’ALTO MEDIOEVO: IL MONDO FEUDALE
Il feudalesimo: una società senza Stato?
Settimana 2- IL PLURALISMO GIURIDICO MEDIEVALE
Il Papato e l’Impero;
Il Sacro Romano Impero e il costituzionalismo multilivello;
La lotta per le investiture;
L’autonomia comunale e la stratificazione delle fonti.
-LA NASCITA DELL’UNIVERSITA’
Irnerio e la scuola di Bologna; la riscoperta del Corpus iuris e il suo significato
europeo;
L’università: da istituzione “privata” ed “aperta” ad istituzione “pubblica”: la "Constitutio Habita" e il ruolo dei giuristi verso la politica.
Settimana 3- IL RINASCIMENTO GIURIDICO MEDIEVALE
I glossatori; la “magna glossa” accursiana;
Dalla glossa al commento: i commentatori;
Il Corpus iuris canonici; l’elaborazione del diritto pubblico nel tardo Medioevo.
-LA ROTTURA DELL’UNITA’ GIURIDICA MEDIEVALE
La crisi del medioevo giuridico;
La nascita dello Stato moderno.
Settimana 4-L’UMANESIMO GIURIDICO
La scuola culta;
Hotman e l’ideologia antigiurisprudenziale.
-LA NASCITA DEL DIRITTO INTERNAZIONALE
La scuola di Salamanca;
Grozio, Vattel, Selden: la nascita del diritto internazionale e il concerto delle
Nazioni.
Settimana 5- IL GIUSNATURALISMO
Concetto di Giusnaturalismo. Diritto naturale “antico” e “moderno”;
Il giusnaturalismo inglese: Hobbes e Locke;
Il pensiero politico nell’epoca d’oro della monarchia francese.
- IL GIUSNATURALISMO TEDESCO
Il giusnaturalismo tedesco e il diritto penale;
Pufendorf e Thomasius
Settimana 6-IL RINNOVAMENTO COSTITUZIONALE INGLESE
Genesi di una costituzione non scritta;
La “lunga rivoluzione” inglese (da Carlo I Stuart alla “gloriosa rivoluzione”);
Il costituzionalismo inglese del ‘700: “whigs” e “tories”; l’evoluzione istituzionale.
-LA RESISTENZA AMERICANA
Dal colonialismo all’indipendenza;
“The federalist papers”: la costituzione americana ed i suoi emendamenti; La
costituzione “non scritta": gli executive orders ed il giudizio di legittimità
costituzionale.
Settimana 7- L’ILLUMINISMO GIURIDICO: VERSO LA CODIFICAZIONE
Domat e Pothier: diritti reali, enfiteusi e beni comuni;
L’illuminismo giuridico di area francese : Voltaire, Montesquieu, Rousseau;
L’illuminismo giuridico in Italia e l’ideologia antigiurisprudenziale: Giannone,
Gravina, Muratori, Filangieri.
- COLLEZIONI, CONSOLIDAZIONI E CODIFICAZIONI
Relativi concetti e valenza politico-istituzionale;
La codificazione penale (Giuseppina, Leopoldina); Cesare Beccaria
Settimana 8-LA RIVOLUZIONE FRANCESE
I prodromi della rivoluzione francese;
Dalla convocazione degli Stati generali all’assemblea nazionale (costituente); la
dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino;
Il costituzionalismo rivoluzionario francese.
-LE REPUBBLICHE DI FINE ‘700 IN ITALIA.
Le repubbliche italiane di fine ‘700
Settimana 9- CODICE CHIUSO, CODICE APERTO
Il codice civile francese del 1804 ed il codice civile austriaco del 1811 (ABGB);
Savigny e la scuola storica: verso il BGB;
La codificazione in Italia.
Settimana 10- IL COSTITUZIONALISMO EUROPEO DOPO VIENNA
La c.d. “Restaurazione” in Francia: la Charte Octroyée;
Il costituzionalismo regio: le costituzioni del 1812 (Spagna e Sicilia); i moti del 1820-
’21; la costituzione belga del 1830; i moti del ’48.
- IL MOSAICO COSTITUZIONALE SUBALPINO ED ITALIANO

Lo statuto albertino come tessera del mosaico;
Prassi e norme nella vita dello statuto;
La spontaneità come fonte: il Presidente del Consiglio ed il Consiglio dei Ministri, il
decreto legge e la delegazione legislativa, l’interim ministeriale.
Settimana 11- IL PENSIERO GIURIDICO NEI SECC. XIX – XX
La scuola dell’esegesi e la sua crisi
;
Realismo e normativismo: Kelsen e Schmitt;
il realismo scandinavo ed americano.
- QUAL E’ IL RUOLO DEL GIURISTA, OGGI?
Dal BGB alla giurisprudenza degli interessi;
La scuola del diritto libero; Radbruch ed il codice penale nazista;
Il messaggio giuridico dell'Europa e la vitalità: ieri, oggi, domani. Il superamento del
concetto di generalià ed astrattezza della norma?