Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Diritto industriale e delle comunicazioni

Programma

DocenteGustavo Ghidini / Francesco Graziadei
Codice CorsoA14
Settore scientifico disciplinare (SSD)IUS/04
Anno di corso5
SemestreII Semestre
Lingua dell'insegnamentoItaliano
Numero totale di crediti6
Carico di lavoro globale146
Ore didattica frontale36
Contenuti del corsoIl corso intende approfondire l’effettiva operatività degli istituti fondamentali (brevetto, marchio, copyright) del diritto industriale nonché i lineamenti essenziali del diritto delle comunicazioni, con particolare riferimento a quelle elettroniche.
In particolare, la prima parte del corso illustrerà anzitutto le tutele brevettuali dell’innovazione tecnologica, comprendendo le biotecnologie, i brevetti di software, l’industrial design. Si esaminerà il copyright, in particolare la tutela delle opere e i diritti di accesso alle stesse da parte del pubblico, nonché le forme collettive di gestione dei diritti degli autori (SIAE e altre). Seguirà la trattazione dei marchi a tutela della identità e immagine aziendale, nonché delle denominazioni tipiche dei prodotti, e del made in Italy.
La seconda parte del corso fornirà un inquadramento generale del diritto delle comunicazioni digitali, con riferimento ai sistemi alle piattaforme ed in genere alle risorse tecniche necessarie alla distribuzione, ai servizi ed ai contenuti, affrontando anche l’operatività di alcuni istituti industrialistici nello specifico settore. Verrà in particolare esaminata: (i) la disciplina delle reti e servizi di comunicazione elettronica anche nel rapporto fra disciplina della concorrenza e regolazione di settore (toccando aspetti quali la regolazione dell’accesso al mercato delle reti e servizi di comunicazione, l’accesso alle risorse tecniche ed in genere l’interoperabilità fra servizi e piattaforme, il concetto di servizio universale ed il suo finanziamento, lo status guridico le problematicità ed il dibattito in merito ai nuovi servizi di intermediazione ed aggregazione dei contenuti ed in genere delle nuove forme di organizzazione della catena del valore, le politiche e le regole in merito alla “network neutrality”, le politiche e le regole relative allo sviluppo delle reti a banda ultralarga); (ii) la disciplina del commercio elettronico con particolare riferimento al ruolo e responsabilità dei soggetti operanti in quel settore che siano intermediari nella circolazione dei servizi e contenuti digitali; (iii) la disciplina dei servizi di media audiovisivi (la responsabilità editoriale e gli obblighi degli operatori con riferimento ai contenuti, gli strumenti di tutela del pluralismo informativo ed il loro rapporto con la disciplina generale della concorrenza) anche dando conto del dibattito relativo ai limiti ed alle attuali criticità del suo campo di applicazione a causa dell’evoluzione tecnologica e di mercato; (iv) le principali problematiche della circolazione su reti di comunicazione elettronica dei contenuti oggetto di diritti di proprietà industriale e intellettuale (concetto e forme di comunicazione al pubblico, territorialità ed imputazione soggettiva dello sfruttamento e del controllo anche attraverso l’analisi della copiosa giurisprudenza in materia, controllo ed enforcement nella circolazione su reti di comunicazione elettronica con particolare riferimento alle norme, mezzi tecnici e procedimenti ammnistrativi e giurisdizionali di tutela contro gli sfruttamenti illeciti online, strumenti giuridici e tecnici più idonei per assicurare un’ampia circolazione lecita.
Testi di riferimentoPER LA PARTE DI DIRITTO INDUSTRIALE:
- Per i frequentanti: Profili evolutivi del Diritto Industriale, Giuffrè, ultima edizione 2015 (le parti che saranno indicate durante il corso)

- Per i non frequentanti: Lezioni di diritto industriale, a cura di Ghidini- Cavani, Giuffrè, 2014

PER LA PARTE DI DIRITTO DELLE COMUNICAZIONI:
- Per i frequentanti: F. Bassan, a cura di, Diritto delle comunicazioni elettroniche. Telecomunicazioni e televisione dopo la terza riforma del 2009, Giuffrè, 2010 (Capitoli I , III, V, VI, VII, VIII) e (o in alternativa, a discrezione del docente in relazione ai risultati di apprendimento mostrati dagli studenti durante il corso) dispense a cura del docente e materiali di supporto e letture consigliate indicati a lezione e forniti a lezione o sulla pagina web.

- Per i non frequentanti: vedere testi frequentanti. Inoltre, dispense a cura dei docenti, materiali di supporto e letture consigliate indicati sulla pagina web.


LETTURE CONSIGLIATE
- Per la parte relativa al Diritto Industriale: Paul A. David, Le istituzioni della proprietà' intellettuale e il pollice del panda - Brevetti, Diritti d'Autore e Segreti industriali nella Teoria economica e nella storia, in Diritto ed economia della proprietà intellettuale, a cura di G.Clerico e S. Rizzello, Padova, 1998, p. 9 e ss.

- Per la parte relativa al Diritto delle Comunicazioni:
--per i frequentanti: R. Mastroianni, La direttiva sui servizi di media audiovisivi, Giappichelli, 2009;
--per i non frequentanti: V.M. Sbrescia, I servizi di media audiovisivi nel mercato europeo della radiotelevisione, Jovene, 2012 oppure Bassan – Tosi, Diritto degli audiovisivi, Giuffrè 2012, Capitoli 2,3,4,5.
Obiettivi formativiIl corso si pone l’obiettivo di fornire allo studente un quadro sistematico delle principali problematiche giuridiche che si pongono alla moderna impresa in materia di tutela della innovazione tecnologica, della identità e immagine aziendale, di sfruttamento economico del copyright, nonché delle molteplici problematiche, anche competitive, relative alle attività di fornitori di contenuti, di servizi e di reti, e di protezione della proprietà intellettuale afferenti alla circolazione e distribuzione su reti digitali.
La normativa italiana verrà analizzata anche nel quadro della disciplina comunitaria di riferimento, con la specifica finalità di fornire una immediata capacità di inquadramento ed analisi nel settore.
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiDidattica frontale

Analisi di casi (nel corso delle lezioni ampio spazio verrà' dedicato alla discussione con gli studenti di casi concreti tratti dall'esperienza giurisprudenziale italiana e comunitaria)

Interventi esterni di comprovata esperienza
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva orale

Lavoro individuale svolto durante il corso (ad esempio assignment, scrittura di un paper, ecc) opzionale 30%
Criteri per l'assegnazione dell'elaborato finaleMotivazione all’approfondimento di problematiche di importanza primaria per le strategie e la gestione d’impresa.
Programma esteso e materiale didattico di riferimento
Settimana 1Il diritto industriale e il diritto delle comunicazioni elettroniche. Introduzione generale alla materia.
Oggetto, finalità e contenuti del corso. Esposizione del programma e dei
contenuti del corso.
Introduzione ai diritti di proprietà intellettuale; fondamenti del diritto
brevettuale; inquadramento generale della materia e dei principi che la
caratterizzano.

Profili evolutivi del diritto industriale
Settimana 2Profili della disciplina del brevetto.
Domanda di brevetto. Descrizione e
rivendicazioni.
Requisiti di brevettabilità.
Invenzioni dei dipendenti e universitarie.
Novità; attività inventiva; industrialità; sufficiente descrizione; liceità.
Principi che regolano le invenzioni dei dipendenti e universitarie.

Profili evolutivi del diritto industriale
Settimana 3Ambito di protezione e licenze obbligatorie.
Brevetti e settori della tecnica.
Meccanismo della licenza obbligatoria.
I settori della tecnica

Diritto d'autore.
Presupposti, principi costituzionali.
Opere protette.

Profili evolutivi del diritto industriale
Settimana 4Diritto d’autore: diritti patrimoniali e morali.
Opere derivate, parodia. Diritti connessi. Eccezioni e limitazioni.
Principi fondamentali delle eccezioni e limitazioni.
Alcuni esempi: eccezioni a scopo di ricerca.

Profili evolutivi del diritto industriale
Settimana 5La tutela del software e delle banche dati.
Principi della tutela del software.
Tutela delle banche dati nella legge sul diritto d'autore.
Tutela dei segni distintivi.
Funzione del marchio. Evoluzione della disciplina.
Requisiti del marchio.
Marchio rinomato.
Nullità e decadenza.

Profili evolutivi del diritto industriale
Settimana 6Denominazioni di origine.
Tutela del Made in Italy.
Profili della disciplina del marchio.
Domanda di marchio.
Marchio di forma, design.

Profili evolutivi del diritto industriale
Settimana 7Introduzione sui principi, i soggetti e i problemi coinvolti nel settore delle comunicazioni digitali.
Delimitazione del campo d'indagine.
Reti, servizi e contenuti. Libertà di impresa e concorrenza, diritto all'informazione, privacy, inclusione sociale, tutela della creatività.
Nuovi soggetti e nuovi problemi: la filiera di internet (sistemi di accesso, sistemi operativi, browser, aggregatori, motori di ricerca, social networks, servizi verticali e orizzontali, l’Internet of Things).

Slides fornite a Lezione e Dispense, paragrafo 1

L'esigenza di una regolazione delle reti e servizi di comunicazione
elettronica. Contenuti ed obiettivi della regolazione di settore nella prima
(anni '90) seconda (2002) e terza (2009) riforma di settore.
I processi normativi comunitari in corso (il Digital Single Market ed il Telecom Single Market).

Slides fornite a lezione e Diritto delle comunicazioni elettroniche Cap. 1, pagg 1-32
Settimana 8Strumenti antitrust della regolazione (mercati rilevanti, potere di mercato, rimedi).
Accesso al mercato delle reti e dei servizi.
La regolazione dei procedimenti autorizzatori.
Accesso, interconnessione e interoperabilità fra reti infrastrutture tecniche e servizi. Contenuti della regolazione di settore.
Gli altri riferimenti normativi rilevanti.
Servizio universale; reti a banda larga; network neutrality ed accesso a internet.


Slides fornite a lezione II, Dispense paragrafo 2 e Diritto delle comunicazioni elettroniche, Cap. 3, pagg. 55-83, Cap. 5 pagg. 109-126, Cap. 6, pagg. 143-167, Cap7 pagg.169-2006
Settimana 9Accesso, interconnessione e interoperabilità negli interventi antitrust: casi AT&T, DT, Microsoft
Esercitazione su casi pratici: Google, Sky. (lezione corredata da interventi esterni, anche in dibattito, con operatori o consulenti coinvolti nei casi trattati).

Slides fornite a lezione
Settimana 10La disciplina dei servizi di media audiovisivi nel diritto comunitario e nazionale.
Il quadro normativo dei fornitori di servizi via internet.


Slides e Dispense paragrafo 3
Settimana 11Concorrenza e pluralismo nei contenuti audiovisivi

Servizi di media audiovisivi ed accesso alle risorse tecniche, alla capacità trasmissiva ed alle risorse economiche: i "tetti" antitrust ed il rapporto con il diritto della concorrenza, le regole di must carry e di accesso alla capacità trasmissiva. I servizi informativi via internet. La disciplina giuridica della transizione alla tv digitale terrestre. Il servizio pubblico radiotelevisivo

Slides fornite a lezione, Dispense paragrafo 4, Diritto delle comunicazioni elettroniche, , Cap. 5, pagg. 109 – 126 e Cap. 8, pagg. 203-233
Settimana 12Circolazione delle opere dell'ingegno su reti di comunicazioni elettroniche e repressione degli sfruttamenti abusivi.
Diritti coinvolti, territorialità dello sfruttamento, disciplina normativa degli strumenti tecnici di protezione.
Procedimenti amministrativi e giurisdizionali di tutela contro gli sfruttamenti illeciti online.

Slides fornite a lezione, Dispense paragrafo 5 oppure Lezioni di Diritto industriale capitolo 3 paragrafo 9.