Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Diritto processuale penale - prove

Programma

DocentePaolo Moscarini
Codice CorsoM028
Settore scientifico disciplinare (SSD)IUS/16
Anno di corso4
SemestreII Semestre
Lingua dell'insegnamentoItaliano
Numero totale di crediti6
Carico di lavoro globale126
Ore didattica frontale36
Contenuti del corsoLa teoria delle prove. - I princìpi generali del diritto istruttorio penale. - La disciplina giuridica del mezzi di prova e dei mezzi di ricerca della prova.
Testi di riferimentoA) per quanto concerne le lezioni iniziali, P. MOSCARINI, Lineamenti del sistema istruttorio penale, Giappichelli editore, Torino 2017;

B) relativamente alle lezioni successive, G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, Compendio di procedura penale, VIII ed., Padova, CEDAM, 2016, Capitolo III.

C) Relativamente al materiale giurisprudenziale, si ricordano le sentenze oggetto d’analisi durante il corso, che gli studenti potranno consultare sul sito WEB della LUISS Guido CARLI; e che di séguito si vanno ad indicare secondo l’ordine progressivo della loro illustrazione:

1) Cass., Sez. Un., 10 luglio 2002, Franzese;
2) Cass., Sez. Un., 25 novembre 2010, D.F.C.;
3) Cass., Sez. Un., 28 maggio 2003, Torcasio;
4) Cass., Sez. Un., 26 marzo 2006, Prisco;
5) Cass., Sez. Un. Civ., 18 dicembre 2007, B.I.;
6) Cass., Sez. I, 21 maggio 2008, Franzoni;
7) Cass., Sez. Un., 17 ottobre 2006, Greco;
8) Corte cost., 22 ottobre 2010, n. 73;
9) Cass., Sez. Un., 27 marzo 1996, Sala;
10) Cass., Sez. Un., 21 giugno 2006, Tammaro;
11) Cass., Sez. Un., 28 novembre 2001, Raineri;
12) Corte cost., 30 luglio 2008, n. 305;
13) Cass., Sez. Un., 22 febbraio 2007, Morea;
14) Cass., Sez. Un., 28 febbraio 2007, Simonetti;
15) Cass. Sez. Un., 17 dicembre 2009, De Simone;
16) Corte cost., 24 giugno 2009, n. 197;
17) Cass., Sez. IV, 13 dicembre 2010, Cozzini;
18) Cass., Sez. Un., 8 marzo 2011, Ghiro;
19) Cass., Sez. Un., 19 aprile 2012, Pasqua;
20) Cass., Sez. Un., 26 giugno 2014, Floris ed altro;
21) Cass., Sez. Un. 26 novembre 2003, Gatto;
22) Cass., Sez. Un., 29 novembre 2005, Campenni;
23) Cass. Sez. Un., 12 luglio 2007, Aguneche ed altri;
24) Cass., Sez. Un., 26 giugno 2008, Carli.

25) Cass., Sez. Un., 19 luglio 2012, n. 41461
26) Cass., Sez. Un., 30 maggio 2006, n. 3626
27) Cass., Sez. III, 1 luglio 2015, n. 32352;
28) Cass., Sez. III, 17 febbraio 2015, n. 25320
29) Cass., Sez. Un., 20 marzo 2006, n. 26795
30) Cass., Sez. Un., 1 luglio 2016, n. 26889
Obiettivi formativiApprofondimento delle tematiche relative al diritto probatorio penale, condotto anche stimolando le capacità critiche degli allievi mediante la disamina di specifici casi giudiziari e la partecipazione a processo simulato.
PrerequisitiAvvenuto superamento dell'esame istituzionale di Diritto processuale penale
Metodi didatticiDidattica frontale, anche attraverso l’analisi di casi; partecipazione a processo simulato.
Modalità di verifica dell'apprendimentoSollecitazione alla discussione dei casi nel corso delle lezioni; partecipazione a processo simulato; esame orale finale.
Criteri per l'assegnazione dell'elaborato finaleConoscenza specifica dei temi trattati a lezione.
Programma esteso e materiale didattico di riferimento
Settimana 1Lezione 1: Il concetto di prova. - La prova ed il processo penale. – Classificazione delle prove: a) prova diretta e prove indirette. - Testo di riferimento: P. MOSCARINI, Lineamenti del sistema istruttorio penale, Giappichelli ed., Torino, 2017, cap. I, §§ 1-3. – Lezione 2: Segue: b) prove rappresentative e prova critica. - Segue: c) prova generica e prova specifica. - Il procedimento probatorio. Testo di riferimento: P. MOSCARINI, op. cit., cap. I, §§ 4-8. – Lezione 3: L'onere della prova nel processo penale. - Onere probatorio formale ed onere probatorio sostanziale. - Il principio “Al di là di ogni ragionevole dubbio”. - Testo di riferimento: P. MOSCARINI, op. cit., cap. I, §§ 9-10; 1) Cass., Sez. Un., 10 luglio 2002, Franzese. – Lezione 4: Il principio di legalità della prova. - I canoni costituzionali ed internazionali in materia di prova penale: a) la tutela dei diritti umani fondamentali. - Segue: b) in particolare, il diritto al silenzio. - Testo di riferimento: P. MOSCARINI, op. cit., cap. II, §§ 1-3.
Settimana 2Lezione 5: Segue: c) Il “nuovo” art. 111 Cost.: ca) il “contraddittorio in senso soggettivo” ed il diritto di “difendersi provando”. - Segue: cb) il “contraddittorio per la formazione della prova penale” e le sue eccezioni. In particolare, l’accertata impossibilità di natura oggettiva. - Testo di riferimento: P. MOSCARINI, op. cit., cap. II, §§ 4-6; 2) Cass., Sez. Un., 25 novembre 2010, D.F.C. - Lezione 6: L'oggetto della prova. - La tutela della libertà morale nella formazione della prova – Le prove atipiche. - Testo di riferimento: P. MOSCARINI, op. cit., cap. III, §§ 2-4; 3) Cass., Sez. Un., 28 maggio 2003, Torcasio; 4) Cass., Sez. Un., 26 marzo 2006, Prisco; 5) Cass., Sez. Un. Civ., 18 dicembre 2007, B.I.; 6) Cass., Sez. I, 21 maggio 2008, Franzoni. - Lezione 7: Il principio dispositivo probatorio. - Le ipotesi eccezionali d'istruzione ex officio iudicis - Testo di riferimento: P. MOSCARINI, op. cit., III, §§ 5-6; 7) Cass., Sez. Un., 17 ottobre 2006, Greco; 8) Corte cost., 22 ottobre 2010, n. 73 – Lezione 8: L'ammissione della prova: le regole generali e quelle per taluni casi particolari. - Il diritto alla prova nel giudizio ordinario, nell’incidente probatorio, nel giudizio abbraviato e in quello d’appello - Testo di riferimento: P. MOSCARINI, op. cit., cap. III, §§ 7-9. –
Settimana 3Lezione 9: I divieti probatori e le conseguenze della loro violazione: l'inutilizzabilità “patologica” e quella “fisiologica”. - La questione delle “prove incostituzionali” e quella delle “prove illecite”. - Testo di riferimento: P. MOSCARINI, op. cit., cap. III, §§ 9-12; 9) Cass., Sez. Un., 27 marzo 1996, Sala; 10) Cass., Sez. Un., 21 giugno 2006, Tammaro. - Lezione 10: La valutazione delle prove penali: a) il “libero convincimento” del giudice e l'obbligo di motivazione. - Testo di riferimento: P. MOSCARINI, op. cit., § 13. - Lezione 11: Segue: b) Eccezionali canoni legali di valutazione: ba) la prova indiziaria. - Testo di riferimento: P. MOSCARINI, op. cit., cap. III, § 14. – Lezione 12: Segue: bb) la chiamata di correo e le altre dichiarazioni. Testo di riferimento: P. MOSCARINI, op. cit., cap. III, § 14.
Settimana 4Lezione 13: La testimonianza: a) l'oggetto. - Segue: b) La testimonianza indiretta. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, Compendio di procedura penale, VIII ed., Padova, CEDAM, 2014, cap. III, § 8; 11) Cass., Sez. Un., 28 novembre 2001, Raineri; 12) Corte cost., 30 luglio 2008, n. 305. – Lezione 14: Segue: c) La capacità di testimoniare. – Segue: d) L'incompatibilità a deporre. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 8; 13) Cass., Sez. Un., 22 febbraio 2007, Morea; 14) Cass., Sez. Un., 28 febbraio 2007, Simonetti; 15) Cass. Sez. Un., 17 dicembre 2009, De Simone.
Lezione 15: Segue: e) La testimonianza assistita; l'esame delle parti private e l'esame dell'imputato in un procedimento connesso o di un reato collegato; orientamenti giurisprudenziali in materia. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, §§ 8 e 9; 16) Corte cost., 24 giugno 2009, n. 197. – Lezione 16: Segue: f) Il privilegio contro l'auto - incriminazione. – Segue: g) Obbligo di testimoniare e segreti: ga) il “segreto familiare” e la facoltà di astensione dei prossimi congiunti. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 8.
Settimana 5Lezione 17: Segue: gb) il segreto professionale. - Segue: gc) il segreto d'ufficio ed il segreto di polizia. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 8. – Lezione 18: Segue: gd) il segreto di Stato. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 8. – Lezione 19: La ricognizione. - Le individuazioni ed i “riconoscimenti atipici”. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 10. - Lezione 20: La perizia: a) profilo generale; la questione della “nuova prova scientifica” - Segue: b) perizia e consulenza tecnica nella dinamica del procedimento penale. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 11.
Settimana 6Lezione 21: Segue: c) in particolare, la “prova genetica” e le corrispondenti indagini peritali. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 11. - Lezione 22: La valutazione del responso peritale. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 11; 17) Cass., Sez. IV, 13 dicembre 2010, Cozzini; 18) Cass., Sez. Un., 8 marzo 2011, Ghiro. – Lezione 23: La prova documentale: nozione; documento e documentazione. – La circolazione di prove tra procedimenti penali. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 12. - Lezione 24: I mezzi di ricerca della prova: le garanzie costituzionali. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 13.
Settimana 7Lezione 25: Le intercettazioni di conversazioni o comunicazioni: a) i princìpi costituzionali. – Segue: b) i limiti applicativi e le condizioni di ammissibilità - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 15; 19) Cass., Sez. Un., 19 aprile 2012, Pasqua; 20) Cass., Sez. Un., 26 giugno 2014, Floris ed altro. – Lezione 26: Segue: c) Le intercettazioni ambientali; orientamenti giurisprudenziali. – Le operazioni d'intercettazione di comunicazioni. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 15. – Lezione 27: Segue: d) Le condizioni ed i limiti di utilizzabilità dei dialoghi intercettati; la registrazione del colloquio da parte dell'interlocutore - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 15; 21) Cass., Sez. Un. 26 novembre 2003, Gatto; 22) Cass., Sez. Un., 29 novembre 2005, Campenni; 23) Cass. Sez. Un., 12 luglio 2007, Aguneche ed altri; 24) Cass., Sez. Un., 26 giugno 2008, Carli. – Lezione 28: I mezzi di ricerca della prova: i princìpi costituzionali. – Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 13.
Settimana 8Lezione 29: Le ispezioni e le perquisizioni: a) il rispettivo concetto e le diverse specie. - Testo: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 13. - Lezione 30: Segue: b) ricerca della prova e diritto di difesa. - Testo: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 13.- Lezione 31: I sequestri: a) diverse tipologie. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 14 – Lezione 32: Segue: b) potere di sequestro e tutela dei segreti. – Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 14.-
Settimana 9Lezione 33: Segue: c) i gravami in materia di sequestro. - Testo di riferimento: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 14. – Lezione 34: Segue: d) orientamenti giurisprudenziali.
Lezione 34: Segue: d) L’invalidità della perquisizione ed suoi riflessi sul conseguente sequestro. - Testo: G. CONSO, V. GREVI e M. BARGIS, op. cit., cap. III, § 14.
Lezione 35: Segue: e) orientamenti giurisprudenziali
Settimana 10Lezione 36: La credibilità del testimone in talune ipotesi particolari ed i correlativi orientamenti giurisprudenziali: a) la testimonianza della parte civile: 25) Cass., Sez. Un., 19 luglio 2012, n. 41461; b) le dichiarazioni rese dal coimputato: 26) Cass., Sez. Un., 30 maggio 2006, n. 3626; c) la testimonianza del minore: 27) Cass., Sez. III, 1 luglio 2015, n. 32352; 28) Cass., Sez. III, 17 febbraio 2015, n. 25320.
Lezione 37: Circa taluni profili problematici in materia di intercettazioni: a) La distinzione del mezzo probatorio de quo da altri affini: 19) Cass., Sez. Un. 19 aprile 2012, n. 28997, Pasqua; b) la nozione di “luogo di privata dimora”: 29) Cass., Sez. Un., 20 marzo 2006, n. 26795); c) le captazioni mediante virus informatico: 30) Cass., Sez. Un., 1 luglio 2016, n. 26889.
Settimana 11Lezione 38: Alcune tipologie di prova scientifica: a) La bloodstein pattern analysis; b) Le analisi di tracce biologiche e gli accertamenti tossicologici: c) Le computer crime investigations; d) Le indagini balistiche.
Lezione 39: Ammissibilità e valutazione della “nuova prova scientifica”: 6) Cass., Sez. I, 21 maggio 2008, Franzoni.
Settimana 12Processo simulato a cura dei collaboratori