Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Informatica giuridica (ambito amministrativo)

Programma

DocenteGiovanni Buonomo
Codice CorsoM185
Settore scientifico disciplinare (SSD)NN
Anno di corso5
SemestreII Semestre
Lingua dell'insegnamentoItaliano
Numero totale di crediti5
Carico di lavoro globale111
Ore didattica frontale36
Contenuti del corso1. La rete unitaria e il sistema pubblico di connettività - 2. Forma e realtà del documento informatico - 3. Le firme elettroniche - 4. La direttiva comunitaria sulle firme elettroniche e l'evoluzione dell'informatica pubblica in Italia - 5. I certificatori - 6. Il processo telematico.
Testi di riferimentoG. Buonomo, Il nuovo processo telematico nell'era dell'amministrazone
digitale, Giuffré, Milano, 2009.
G. Buonomo - A. Merone, "La scrittura privata informatica" in Dir. Inf. Info.
2013, 2, 255 e ss.
Obiettivi formativiIl corso intende fornire agli studenti un'adeguata conoscenza dei "nuovi diritti" connessi alla introduzione delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT) nella P.A., dalla prima disciplina della Rete unitaria sino al codice dell'amministrazione digitale del 2005 ed alle più
recenti riforme della documentazione amministrativa. Attraverso lo studio del processo civile ed amministrativo telematico e delle nuove tecnologie nei rapporti con l'Amministrazione pubblica, vengono analizzati gli strumenti operativi (in primo luogo: firma digitale e documento informatico) per l'esercizio del diritto all'uso delle tecnologie dei cittadini e delle imprese, l'accesso a distanza ai documenti informatici, la partecipazione al procedimento amministrativo e al processo telematico, nell'ambito del nuovo statuto dei rapporti tra Stato e cittadini con cui dovranno confrontarsi le prossime generazioni di giuristi.
PrerequisitiE' consigliabile (anche se non strettamente necessario) aver già sostenuto gli esami di informatica giuridica, diritto privato e diritto processuale civile.
Metodi didatticiDidattica frontale, esercitazioni individuale e lavori di gruppo (role-playing
e simulazioni di varia natura);analisi di casi giudiziari; testimonianze;
presentazioni e assignment.
Modalità di verifica dell'apprendimentoProva scritta (50 %)- prova orale (50 %)- lavoro individuale svolto durante
il corso - lavoro di gruppo svolto durante il corso.
Criteri per l'assegnazione dell'elaborato finale
Programma esteso e materiale didattico di riferimento
Settimana 1Introduzione allo studio della materia.
I nuovi diritti connessi all'introduzione delle ICT nell'ambito della P.A.
Quadro normativo di riferimento
Il diritto all'uso delle tecnologie telematiche
La partecipazione al procedimento amministrativi
Cap I

L'evoluzione del quadro normativo in Europa.
Il Libro Bianco: crescita e competitività in Europa.
Il "fattore tecnologico».
Il Rapporto Bangemann e la "società dell’informazione".
Cap. I

La direttiva di Governo del 1995.
L’AIPA e la rete unitaria della pubblica amministrazione.
Cap. II
Settimana 2Ere tecnologiche ed azione amministrativa - Nascita dell'AIPA ed evoluzione del quadro normativo in Italia. La rete delle pubbliche amministrazioni: servizi di trasporto, interoperabilità e cooperazione applicativa.
Cap. II

Il processo civile telematico: cos'è e come funziona. Il quadro normativo. Esempi pratici: il procedimento monitorio. Il modello processuale telematico ed i suoi limiti.
Dispense distribuite a lezione - Cap VI

Segue: il processo civile telematico. Notificazioni e comunicazioni. L’indirizzo elettronico. I punti di accesso e i soggetti abilitati. Il portale dei servizi.
Le riforme del 2009 e del 2011 e i loro effetti sul processo civile.
Dispense distribuite a lezione - Cap VI
Settimana 3Introduzione allo studio del documento informatico.
Effetti delle riforme degli anni Novanta: il telelavoro e l'archiviazione sostitutiva. L'esordio della firma digitale nel DPR n. 513/1997. Effetti giuridici del documento informatico munito di firma digitale. Le premesse della direttiva n. 93/1999
Cap III

Le origini della scrittura e della firma. Il documento come mezzo di prova. La scrittura privata informatica, il disconoscimento della firma digitale.
Cap III

Documento e firma. La rappresentazione "informatica" di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti.
Cap III
Settimana 4Il problema dell'inversione della prova nel disconoscimento di un documento informatico firmato con firma digitale.
Cap III

Crittologia e crittografia. La cifratura del testo come metodo di firma. I codici cifranti: cenni storici.
Cap III, §2

Nascita della crittografia moderna. Profili tecnologici della firma digitale. Chiave diretta e chiave inversa. L'infrastruttura a chiavi pubbliche.
Cap III, §3
Settimana 5Introduzione ai problemi della crittografia moderna. Primo problema: la dipendenza della firma digitale dal testo.
Cap III,§ 6

I problemi della crittografia moderna (segue). Secondo problema: L’identificazione certa del titolare della coppia di chiavi.
Cap III, §7

I problemi della crittografia moderna (segue). Terzo problema: la vulnerabilità delle chiavi alla crittanalisi, l'algoritmo RSA e il problema della fattorizzazione dei numeri primi.
Cap III, §8
Settimana 6Algoritmi: algoritmi “forti” e “deboli” – algoritmi errati. Condizioni di funzionalità del sistema e regole tecniche.
Cap III, § 5

Studio di un caso giudiziario.
Simulazione del processo
Dispense distribuite a lezione

Algoritmi: algoritmi “forti” e “deboli” – algoritmi errati. Condizioni di funzionalità del sistema e regole tecniche.
Cap III , §8
Settimana 7La funzione dei certificatori in generale: il Web of Trust e l'architettura PKI. L’identificazione “con certezza” del titolare.Introduzione allo studio della direttiva n. 93 del 1999. Il caso Zimmermann e il problema del "doppio uso" della crittografia.
Cap IV §1

l principio di "neutralità" tecnologica nella direttiva n. 93/1999 e le firma avanzate. Il principio di "non discriminazione" e i requisiti legali della firme elettroniche. Firme "deboli" e «forti".
Cap IV, §7

La funzione dei certificatori nell’ordinamento comunitario. Il principio di “non discriminazione”.
Cap IV, §9 e 10
Settimana 8Studio di un caso giudiziario.
Soluzione del caso studiato nel corso
della precedente esercitazione.
Dispense distribuite a lezione

I Bitcoin e la moneta elettronica
Dispense distribuite a lezione

La funzione dei certificatori nell'ordinamento interno e il recepimento della direttiva n. 93/1999 in Italia. I “certificati” digitali. I certificatori qualificati.
Cap. V, § 1
Settimana 9La funzione dei certificatori e gli “altri servizi” di certificazione. Le funzioni di vigilanza e controllo. I certificatori accreditati.
Cap. V, § 2

Natura giuridica dei certificatori. Sanzioni civili penali. Esame della giurisprudenza.
Cap. V, § 5

Presentazione dei paper preparati dagli studenti
Dispense distribuite a lezione
Settimana 10La firma digitale nella P.A. Comunicazioni "interne" ed "esterne". La P.A. in funzione di certificatore accreditato. I servizi in rete della P.A. Dichiarazioni ed istanze. La P.A. come soggetto certificatore
Cap V, §11

La validazione temporale dei documenti informatici. Il tempo coordinato universale e il problema della opponibilità ai terzi della data della scrittura.
Cap V, § 11

Riproduzione e conservazione dei documenti informatici della P.A. Documenti “analogici” e documenti informatici.
Cap I
Settimana 11Il processo di decartolarizzazione
degli archivi della P.A.
Cap I

Il processo civile telematico
[simulazione con l’intervento
di un magistrato del tribunale di Roma]
Cap VI - Dispense distribuite a lezione

Questionario a risposte multiple (prima serie)
Dispense distribuite a lezione
Settimana 12Questionario a risposte multiple
(seconda serie e correzione)
Dispense distribuite a lezione