Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Comunicazione di marketing e linguaggi dei nuovi media

Programma

DocentePaolo Peverini
Codice CorsoM204
Settore scientifico disciplinare (SSD)M-FIL/05
Anno di corso1
SemestreSecondo Semestre
Lingua dell'insegnamentoItaliano
Numero totale di crediti6
Carico di lavoro globale150
Ore didattica frontale48
Contenuti del corsoDai "nuovi media" ai media digitali.
Rimediazione e convergenza mediale.
Il web 2.0.
Il social web.
Comunicazione di marketing e social web.
Ripensare lo storytelling: le nozioni di racconto e di narratività in semiotica.
La "viralità" nel social web. Dalla "stickiness" alla "spreadability"
Le audience attive
Visibilità, reputazione e influenza.
Testi di riferimentoFREQUENTANTI:
Jenkins, H., Ford S., Green J. (2013), Spreadable Media. Creating value and meaning in a networked culture New York University Press.

Arvidsson A., Caliandro, A., (2015) "Brand public", Journal of consumer research vol. 42, 2016

Kozinets R, de Valck K., C.Wojnick A & J.S.Wilner S., (2010) "Networked Narratives: UnderstandingWord-of-Mouth Marketing in Online Communities", Journal of Marketing Vol. 74.

Peverini P., (2016) "Influenza on line e word of mouth. Il ruolo della semiotica nello scenario delle metodologie di analisi", in Ferraro G., Lorusso A. M. (a cura) Nuove forme d'interazione. Dal web al mobile, Tricase (LE), pp. 203-223.

Dispense a cura del docente.

NON FREQUENTANTI
Sassoon, J., (2012) Web storytelling. Costruire storie di marca nei social media.

Jenkins, H., Ford S., Green J. (2013), Spreadable Media. Creating value and meaning in a networked culture New York University Press.

Arvidsson A., Caliandro, A., (2015) "Brand public", Journal of consumer research vol. 42, 2016

Kozinets R, de Valck K., C.Wojnick A & J.S.Wilner S., (2010) "Networked Narratives: UnderstandingWord-of-Mouth Marketing in Online Communities", Journal of Marketing Vol. 74.

Peverini P. (2016) "Influenza on line e word of mouth. Il ruolo della semiotica nello scenario delle metodologie di analisi", in Ferraro G., Lorusso A. M. (a cura) Nuove forme d'interazione. Dal web al mobile, Tricase (LE), pp. 203-223.

Dispense a cura del docente.
Obiettivi formativiGli obiettivi formativi del corso sono i seguenti:
Fornire le nozioni teoriche di base per un'analisi dei media digitali
Approfondire l'impatto dei media digitali e del social web nella comunicazione di marketing, con particolare riferimento alle logiche della convergenza mediale e dell'omnicanalità.
Approfondire la nozione di storytelling su un piano teorico e metodologico.

Le lezioni teoriche verranno costantemente integrate da lavori di gruppo e case studies.
L'impianto laboratoriale delle lezioni rende la frequenza al corso assolutamente obbligatoria e indispensabile per preparare adeguatamente l'esame.
PrerequisitiNessuno
Metodi didatticiLezioni frontali, case studies, esercitazioni.
Modalità di verifica dell'apprendimentoFREQUENTANTI:
Working group projects (Adoption Lab 1 + Adoption Lab 2) e prova finale orale. Valutazione finale: 25% + 25% adoption Lab 1 e 2,
50% esame orale

NON FREQUENTANTI:
tesina (30%), orale (70%).
Criteri per l'assegnazione dell'elaborato finaleL'argomento della tesi deve essere concordato con il docente. Il requisito per richiedere la tesi è il seguente:
ampio interesse per la comunicazione di marketing nel social web.
Per concordare la tesi di laurea lo studente deve presentare un progetto scritto con chiare indicazioni relativamente alla metodologia di ricerca, un indice provvisorio e una bibliografia di riferimento
Programma esteso e materiale didattico di riferimento
Settimana 1I "nuovi" media come campo di analisi. Linguaggi, generi, formati.

Materiali didattici a cura del docente

Ulteriori Letture consigliate: Manovich, L. (2002), Il linguaggio dei nuovi media. Milano: Olivares.
Settimana 2Rimediazione, convergenza mediale

Letture consigliate:
Jenkins, H., Ford S., Green J. (2013), Spreadable Media. Creating value and meaning in a networked culture New York University Press.
Settimana 3Denotazione e connotazione

La nozione di valore

Ulteriori letture consigliate: Oswald, L., (2011) Marketing Semiotics: Signs, Strategies, and Brand Value
Settimana 4Per una teoria dello storytelling: le nozioni di racconto e di narratività in semiotica.

Materiali didattici a cura del docente

Ulteriori Letture consigliate:
Pozzato, M.P. (2013), Capire la semiotica. Roma: Carocci.

Marrone, G. (2007), Il discorso di marca. Modelli semiotici per il branding. Bari-Roma: Laterza.

Lo schema narativo canonico

Dal web 2.0 al social web.

Jenkins, H., Ford S., Green J. (2013), Spreadable Media. I media tra condivisione, circolazione, partecipazione. Milano: Apogeo.
Settimana 5Comunicazione di marketing e social web.

Materiali didattici a cura del docente

Ulteriori Letture consigliate:
Sassoon, J. (2012), Web Storytelling. Costruire storie di marca nei social media. Milano: FrancoAngeli.
Settimana 6Networked Narratives and Online communities:

Letture consigliate: Kozinets R, de Valck K., C.Wojnick A & J.S.Wilner S., (2010) "Networked Narratives: UnderstandingWord-of-Mouth Marketing in Online Communities", Journal of Marketing Vol. 74.



Dalle brand communities al brand public.

Letture consigliate: Arvidsson A., Caliandro, A., (2015) "Brand public", Journal of consumer research vol. 42, 2016
Settimana 7Adoption lab: Nastro Azzurro
Settimana 8Dallo storytelling al discorso di marca.

Letture consigliate:
Marrone, G. (2007), Il discorso di marca. Modelli semiotici per il branding
Settimana 9La “viralità”: un approccio critico. Meme e viral.

Jenkins, H., Ford S., Green J. (2013), Spreadable Media. Creating value and meaning in a networked culture New York University Press.
Settimana 10Dalla “stickiness” alla “spreadability”.

Jenkins, H., Ford S., Green J. (2013), Spreadable Media. Creating value and meaning in a networked culture New York University Press.
Settimana 11Brand web reputation. Influenza, reputazione, visibilità.

Peverini P., "Reputazione e influenza nei social media
Una prospettiva sociosemiotica", in Pezzini I., Spaziante L., (2014) Corpi mediali. Semiotica e contemporaneità. Pisa: ETS.

Lampignano S. P. (2016) Digital reputation management
sottotitolo Come gestire, promuovere e difendere la reputazione online
Settimana 12Conclusioni e verifica lavori dei gruppi per adoption lab