Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Newsmaking (come si scelgono le notizie)

Programma

DocenteFrancesco Giorgino
Codice CorsoT042
Settore scientifico disciplinare (SSD)SPS/08
Anno di corso5
SemestreII Semestre
Lingua dell'insegnamentoItaliano
Numero totale di crediti4
Carico di lavoro globale100
Ore didattica frontale40
Contenuti del corsoIl corso, della durata di 40 ore e che dà diritto a 4 crediti formativi, ruoterà intorno ai filoni chiave della notiziabilità: 1. Selezione delle notizie; 2. Gerarchizzazione delle notizie; 3. Trattamento delle notizie; 4. Tematizzazione delle notizie.
L'informazione è causa ed effetto di molti processi politici, giuridici ed economici, come per esempio la dinamica relazionale esistente fra la quantità di dati disponibili e la quantità e la qualità della democrazia, l'influenza in termini di agenda setting nella proposta legislativa e nell'azione esecutiva, la parità dei soggetti della giurisdizione, l'inevitabile intreccio fra il newsmanagement e le strategie di marketing. Il tutto all'interno della cornice determinata dalla rivoluzione digitale".
Grande attenzione verrà dedicata al Newsmaking. Per 'Newsmaking', termine elaborato dalla letteratura scientifica americana, si intende l’area disciplinare “organizzazione mediale” della sociologia della comunicazione, il cui alveo epistemologico si completa anche con le aree “influenza della società sui media” e “influenza dei media sulla società”. Insieme alla spiegazione delle principali teorie relative alle quattro fasi del Newsmaking: 1. Selezione delle notizie; 2. Gerarchizzazione delle notizie; 3. Trattamento delle notizie; 4. Tematizzazione delle notizie, il corso farà riferimento, in misura prevalente, all'analisi del contenuto delle diverse testate giornalistiche come le notizie pubblicate su quotidiani cartacei, on line, messe in onda da telegiornali e giornali radio. L’analisi del contenuto sarà anche di tipo comparativo al fine di approfondire i principali modelli di giornalismo, vecchi e nuovi, più presenti nel panorama newsmediale internazionale.
Testi di riferimentoIl materiale didattico sarà rappresentato da slides analitiche relative alle principali questioni teoriche affrontate durante le lezioni, dai libri di testo e riviste scientifiche inerenti le macro questioni del giornalismo e dell’informazione (libri e riviste che verranno indicati all’inizio del corso), quotidiani cartacei, quotidiani on line, edizioni di telegiornali e di giornali radio, dispacci di agenzia, comunicati stampa.
Obiettivi formativiQuali fatti diventano notizie? Perché alcuni accadimenti vengono ritenuti notiziabili dai giornalisti e altri, invece, non vengono portati a conoscenza del pubblico di massa? E ancora: perché alcune notizie vengono presentate con particolare enfasi tanto da ricevere un conferimento di valore preventivo da parte di direttori, vice direttori e capiredattori delle testate giornalistiche e altre, invece, meritano una visibilità molto limitata?
Sono alcune delle domande alle quali risponderà il corso del Prof. Giorgino.
PrerequisitiPer iscriversi al corso di Newmaking non è necessaria alcuna formazione specifica di base e propedeutica, poiché questa materia interpella soprattutto il nostro essere consumatori di prodotti di informazione in quanto lettori, fruitori on line, telespettatori e ascoltatori. Può essere seguito, dunque, sia dagli studenti del corso di laurea triennale che quinquennale, iscritti a tutti i Dipartimenti.
Metodi didattici-Didattica frontale
-Analisi di casi pratici
-Lavori di gruppo
Modalità di verifica dell'apprendimentoEsame orale.
Criteri per l'assegnazione dell'elaborato finaleAver superato brillantemente l’esame finale e aver frequentato le lezioni