Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Logo LUISS

L'importanza di fare Marketing in Italia

Un'indagine conferma che studiare e lavorare nel Marketing in Italia forma competenze professionali distintive e di valore

Magistrale Marketing CostabileQuanto conta fare Marketing in Italia, ovvero formarsi studiando nei migliori Atenei e poi continuare a crescere e imparare con adeguate esperienze professionali? Sul tema ha lavorato il Professor Michele Costabile, Ordinario di Marketing della LUISS e responsabile del nuovo corso di Laurea Magistrale in Marketing, che nel corso di un'analisi condotta assieme al Professor Fabio Ancarani dell'Università di Bologna, ha dimostrato che l'Italia offre un contesto culturale speciale per acquisire competenze distintive in questo ambito professionale.

"Sia il successo delle aziende del made in Italy, sia quello dei marketing manager che operano in Italia non sono un caso, ma frutto di alcune specificità del nostro Paese" dice il responsabile della Laurea Magistrale in Marketing della LUISS. Il lavoro dei due docenti muove da una serie di casi aziendali di particolare importanza nel marketing fatto in Italia; casi studiati a fondo nel corso dello sviluppo di tre manuali di marketing management. "Abbiamo indagato gli elementi emblematici di numerosi casi con un'innovativa piattaforma di analisi semantica, idonea a lavorare su grandi moli di dati (i.e. big data). Poi abbiamo integrato questa analisi con una survey che ha coinvolto più di 50 professionisti del settore".

Le varie fonti evidenziano che le specificità del marketing italiano sono riconducibili a elementi come "l'attenzione dedicata all'eccellenza tecnica del prodotto, in linea con l'anima e la secolare storia manifatturiera del nostro Paese. Attenzione e cura del prodotto che si accompagnano a una straordinaria capacità di interazione con i clienti, che nei fatti significa capacità di ascolto e di interpretazione delle loro esigenze specifiche; la capacità insomma che spiega la supremazia italiana nel mondo di prodotti unici, quali ad esempio i megayacht".

Le categorie più rappresentative del marketing italiano emerse nella survey sono la creatività, la sensibilità estetica, la capacità di attingere alla varietà delle tradizioni territoriali e il thinkering, inteso come "approccio di 'management sperimentale', ossia quella capacità di fare consapevoli di dover migliorare passo dopo passo". La survey è stata condotta chiedendo agli intervistati cosa avessero in mente pensando al marketing ideato e realizzato in Italia. "La risposta è stata 'chiusa', sollecitando la valutazione su sei parole chiave con diverso grado di importanza: senso e sensibilità estetica, empatia e flessibilità adattiva, meticolosità e cura dei dettagli, destrutturazione creativa dei processi di marketing, contenuto umanistico dei processi di marketing e di interazione e, non ultimo, il thinkering".

Grafico Marketing Costabile

Commentando i risultati di questa analisi, il professor Costabile sostiene che studiare e lavorare nel nostro Paese offre ottime opportunità per acquisire "competenze uniche che consentiranno ai giovani talenti e alle imprese che sapranno valorizzarli di guidare lo sviluppo nell'arena globale. Un'arena fatta di complessità e incertezze incomprimibili, da gestire con una preparazione scientifica solida e approfondita, combinata con capacità manageriali specifiche che un contesto come quello italiano aiuta più di tanti altri a potenziare. Come del resto dimostra la presenza di tanti nostri laureati ai vertici di alcune delle imprese più grandi e famose del mondo".