Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Logo LUISS

Erasmus a Oslo, Summer School a Berkeley e Double Degree a Mosca

Simone Gobello, studente LUISS, ha studiato un anno a MGIMO

Simone Gobello Mosca

"Amo viaggiare e appena ne ho le possibilità parto verso una nuova meta". Un Erasmus a Oslo, una Summer School a Berkeley e poi a Mosca per il Double Degree al Moscow State Institute of International Relations: Simone Gobello è uno studente LUISS di Relazioni Internazionali che non ha "paura di affrontare esperienze formative sempre nuove e lontano da casa".

"Guardando al mio passato accademico, molte delle scelte importanti che ho fatto sono state impulsive: anche il Double Degree a MGIMO è una di quelle". Dopo la laurea triennale in Scienze Politiche alla LUISS, Simone stava valutando di fare un'altra esperienza all'estero quando è venuto a sapere della possibilità di partire per Mosca: "Non ci ho pensato un attimo a fare domanda. La Russia è un Paese che conosciamo poco, molto difficile da decifrare dall'esterno, così distante ai nostri occhi e allo stesso tempo così vicino geograficamente. Ripensando a quel momento, credo sia stata un'ottima scelta, non soltanto a livello accademico, ma soprattutto come esperienza di vita". Oltre a frequentare le lezioni, Simone ha cercato di vivere a pieno la sua esperienza a Mosca, di "conoscere la città e la cultura locale, di entrare in contatto con la gente e con l'affascinante cultura russa".

Simone Gobello

Dopo un anno, alla fine del programma a MGIMO, Simone ha svolto un tirocinio alla Delegazione dell'Unione Europea: "La scelta di rimanere in Russia è stata legata a molti aspetti, tra i quali quello sentimentale: poche settimane dopo il mio arrivo a Mosca, infatti, ho conosciuto la ragazza con cui sono fidanzato da un anno e mezzo, che è bosniaca e studia anche lei a MGIMO. In più, sono stato fortunato: da grande tifoso romanista ho contribuito a fondare un Roma Club Mosca, che si riunisce in un pub in centro per vedere insieme le partite, sempre affollatissimo di tifosi italiani: lì ho conosciuto un ragazzo che lavorava in Delegazione come assistente del Primo Deputato e che mi ha fornito il contatto email del mio futuro capo".

Quella del tirocinio "è stata un'esperienza incredibile da ogni punto di vista: mi sono sentito parte di una grande famiglia, di un team con cui ho condiviso mesi non facili a livello politico-diplomatico. Ho conosciuto persone da tutto il mondo che mi hanno dato enormi consigli sul mio futuro, accademico e lavorativo. Il riconoscimento ed i ringraziamenti che ho ricevuto negli ultimi giorni prima di tornare a Roma sono e saranno qualcosa che porterò sempre con me".

L'importante, per prepararsi a un'esperienza del genere, secondo Simone, è "non aver paura di cosa si potrebbe incontrare: Mosca è una città profondamente internazionale nello stile di vita, ma il mio consiglio è di frequentare un corso base di lingua russa prima di partire. Sicuramente all'inizio puoi trovare qualche difficoltà, ma questo è un viaggio che vale la pena intraprendere".

Mosca Gobello