Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Logo LUISS

Lavorare per i diritti e le uguaglianze in Europa

Un gruppo di studenti LUISS del corso Media gender e politica in visita presso le istituzioni europee

LUISS Gender Bruxelles

Il 22 e 23 aprile 2015 un gruppo di quattordici studenti magistrali del Dipartimento di Scienze politiche della LUISS ha visitato le sedi delle istituzioni europee per scoprire i processi decisionali che riguardano le politiche di genere nel loro complesso: dal riequilibrio della rappresentanza femminile nelle istituzioni elettive alle politiche sociali e del lavoro.

Accompagnati dalla professoressa Emiliana De Blasio e dalla dottoressa Noemi Trino nell'ambito del corso Media gender e politica, i ragazzi sono partiti da una visita al Parlamento Europeo, dove hanno osservato le attività parlamentari e posto domande e riflessioni sui meccanismi di legislazione e sulla composizione e il lavoro delle commissioni. "Anche chi le studia, non sa come le istituzioni internazionali siano organizzate o come funzionino" racconta Veronica Lisio del corso in Relazioni Internazionali. "Questo incontro ha posto l'attenzione sul piano pratico, dimostrando tutto il lavoro che sta dietro ogni settore. È un mondo affascinante, dove capisci che le persone sono motivate e orgogliose del loro operato".

Gender Parlamento BruxellesNella stessa giornata, gli studenti LUISS hanno preso parte anche a un incontro speciale con la European Women's Lobby (EWL) e con la Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere (FEMM), che promuovono e tutelano i diritti femminili e le politiche di pari opportunità. "Incontrare diversi rappresentanti e confrontarsi con le esperienze di vita di chi combatte ogni giorno per questi temi è davvero stimolante" racconta Lucrezia Fratocchi, anche lei studentessa del corso in Relazioni Internazionali. "Vedere tutta la passione nelle loro parole e nei loro gesti mi ha dato una spinta ulteriore a fare sempre meglio sia nella vita che nella lotta per la parità di genere. Ho capito che se ci si crede, con un'azione continua di pressione e di passione, i risultati arrivano".

Il giorno seguente, la visita è proseguita presso lo European Economic and Social Committee per assistere a una sessione plenaria del Comitato coordinata dal Commissario per gli Affari Economici e Monetari Pierre Moscovici dedicata alla European Citizens' Initiative (Diritto di Iniziativa dei Cittadini Europei): una proposta di legge che consente a un milione di cittadini europei di prendere direttamente parte all'elaborazione delle politiche dell'UE. "Vedere dove e come lavorano le istituzioni europee e capire che sono impegnate a rendere sempre più strutturato ed efficiente il sogno dell'Europa unita è emozionante: aumenta la sensazione di sentirsi cittadina europea e dà la spinta a realizzare qualcosa di importante" prosegue la studentessa.

La visita si è conclusa con un tour al Parlamentarium, il centro visitatori del Parlamento europeo, situato presso la sede di Bruxelles. "Bruxelles è una città dinamica e piena di occasioni" conclude Lucrezia, che si è da poco trasferita nella capitale per uno stage. "È un luogo dove ogni giorno ci si sente sempre a stretto contatto con la politica e con le istituzioni europee".

Visita Gender Bruxelles