Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Logo LUISS

Sport e locali si incontrano con FindMatch

Due laureati LUISS hanno creato un'app per trovare ogni evento sportivo

Mattia Goduto Stefano Lino LUISS Findmatch

La cultura d'impresa e la passione per lo sport di Mattia Goduto e Stefano Lino, laureati LUISS in Management, sono alla base di FindMatch, l'app che permette di trovare il locale ideale dove guardare un evento sportivo.

Lo sviluppo del progetto parte nel dicembre 2013, con un'intuizione da parte dei due amici. "Durante gli anni di studio ci siamo scontrati con un problema evidente: quello di non sapere dove andare a vedere le dirette sportive" racconta Mattia. "È una condizione molto diffusa in Italia, soprattutto per il calcio, e abbiamo deciso di creare un piccolo servizio per i tifosi che si trovano in giro oppure in viaggio e vogliono vedere una partita". "Preferisco sempre vedere un match interessante piuttosto che una partita qualunque - prosegue Stefano – e tutti i veri appassionati di sport non seguono solo la propria squadra del cuore".

Findmatch LogoA partire da un investimento personale e col supporto di alcuni amici, Findmatch diventa presto un prototipo per testare il servizio su Roma. "Abbiamo avviato lo sviluppo e organizzato un primo lancio in occasione dei Mondiali di calcio, sfruttando i canali digitali e qualche evento nei locali. Nei primi mesi del 2014 abbiamo registrato e mappato circa 120 locali in Italia" dice Mattia. "I locali ogni anno spendono centinaia di euro per trasmettere sport e fino a oggi non hanno avuto a disposizione un servizio per pubblicizzare in modo efficace le partite trasmesse. Così abbiamo cominciato con una comunicazione porta a porta, proponendo il servizio ai gestori dei locali. Crescendo siamo passati all'online fino a creare una base solida di clienti" continua Stefano.

Per crescere come giovani imprenditori e trovare un supporto alla realizzazione dell'idea, i due ragazzi hanno seguito un percorso in i-Lab LUISS. "Siamo arrivati in iLab quando ancora il prototipo era in sviluppo, per fare un'analisi approfondita del mercato e sviluppare modelli di prodotto e di cliente efficienti. Sono stati i mentor di i-Lab a sostenere la nostra idea e a dirci che poteva funzionare anche a carattere internazionale. Le idee apprese sia in LUISS che ad i-Lab ci hanno insegnato a muoverci un passo alla volta e a utilizzare un approccio che permette di realizzare un prodotto sempre migliorabile in base alle evoluzioni e agli andamenti del mercato".

Dopo vari test realizzati in coincidenza del campionato di calcio italiano 2014-15, nel 2015 abbiamo lanciato una piccola campagna di crowdfunding su Eppela. "Il tempo, il modello di sviluppo, la determinazione e un pizzico di fortuna ci hanno permesso di raggiungere un investimento importante da parte di investitori sia italiani che stranieri. E abbiamo raggiunto l'obiettivo di passare alla nuova piattaforma e la possibilità di entrare a breve anche in un altro mercato estero. Il loro interesse è dare a FindMatch una veste internazionale e creare un unico servizio per vedere lo sport nei locali di tutti i paesi".

Oggi FindMatch è disponibile per Android e presto sarà disponibile anche la nuova versione per iOS. Ma la ricerca dei locali dove guardare le partite è solo il primo step del progetto, che punta a sviluppare presto nuovi servizi. "Vorremmo stimolare la passione sportiva dell'utente in vari modi: coinvolgendo il locale, ma in particolar modo creando engagement durante le partite. Il nostro obiettivo non è solo quello di far trovare i locali dove proiettano la propria partita di interesse ma quello di far vivere la sfida al tifoso al 100%".

A chi vuole avviare una nuova startup, i due laureati LUISS consigliano di fare bene tutte le valutazioni. Dice Stefano: "In i-Lab abbiamo ricevuto ottimi consigli: critiche puntuali e precise che ci hanno aiutato a trovare subito i punti di forza da valorizzare e punti di debolezza da migliorare. 'Conta sempre fino a 10' è il mantra che ci hanno insegnato". Conclude Mattia: "Prima di intraprendere qualunque percorso, è necessario creare un team di valore, avere determinazione, costanza e perseveranza. L'idea è solo l'1% della startup: l'elemento fondamentale è sviluppare e far crescere l'idea, mettersi in gioco e maturare esperienza".