Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Logo LUISS

La magia di cantare in coro

Le ragazze del Coro Polifonico LUISS alla prima esibizione dal vivo

Coro Polifonico studentesse LUISS

Mercoledì 11 maggio 2016 l'Aula Magna del campus di Viale Pola ha ospitato il concerto del Grande Coro di Roma a sostegno dell'Associazione Antea a cui ha partecipato il gruppo di studentesse del Coro Polifonico LUISS.

Le otto ragazze (Teresa Castellani, Ludovica Fabrizi, Nyree Grifeo, Carlotta Monteleone, Maria Elisabetta Oliva, Rachele Parlangeli, Flaminia Pinzarrone e Ludovica Tripodi) hanno aderito alla nuova iniziativa musicale delle Attività Culturali LUISS e nella serata di beneficenza hanno accompagnato il grande gruppo di cantanti non professionisti in un repertorio di brani tratti da musical, film e opere celebri.

"Il progetto è nato su invito delle Attività Culturali che hanno accolto la mia proposta di creare e guidare un coro universitario alla LUISS" spiega il Maestro Fabrizio Adriano Neri, direttore del Grande Coro di Roma. "Il Grande Coro è un progetto per appassionati di canto che unisce lavoratori e impiegati delle più importanti istituzioni del territorio. L'idea era farli lavorare in sinergia con gli studenti, ma adesso stiamo espandendo il progetto per creare un vero coro della LUISS".

La serata per Antea è stata realizzata dopo solo un mese di prove e di incontri nelle aule universitarie. "Sono tutte ragazze che hanno esperienze precedenti con la vocalità e anche se i tempi del debutto erano stretti sono state molto brave e ho deciso di farle esibire in un assolo per l'intero inserto centrale di una canzone".

Coro Polifonico LUISS serata AnteaNyree Grifeo, studentessa all'MBA della LUISS Business School, ha già esperienza coi cori polifonici universitari fra Catania e Torino e da quando si è trasferita a Roma era alla ricerca di un progetto per tornare a cantare: "La mia insegnante di canto al liceo mi portò ad ascoltare un coro polifonico e rimasi davvero stupita. In gruppo raggiungiamo espressioni vocali che da soli non potremmo mai raggiungere. È una sorta di magia sentire tante voci che entrano in armonia".

Entrambe al terzo anno di Giurisprudenza, Ludovica Fabrizi e Ludovica Tripodi si conoscevano fra loro ma nel coro hanno trovato nuove amiche e riscoperto vecchie passioni: "Ho iniziato per curiosità" racconta Ludovica Fabrizi. "Ho studiato come solista tanti anni, ma non avevo mai cantato in un coro. Pensavo che esibirsi in tanti fosse più semplice che farlo da soli, ma l'ansia di andare sul palcoscenico è stata la stessa. Anzi, la paura di andare fuori tempo e far sbagliare anche gli altri rende tutto più difficile".

"Ho studiato musica tanti anni: violino per nove anni e pianoforte per due" continua Ludovica Tripodi. "Ho esperienza con solfeggi, scale musicali e vocalizzi, ma la vera scoperta sono stati gli esercizi di respirazione o con le espressioni vocali. Alla serata col Grande Coro di Roma eravamo molto emozionate, ma ci siamo fatte forza a vicenda. La cosa bellissima è che siamo davvero state valorizzate: la serata è stata piena di soddisfazioni e di riconoscimenti. Un vero debutto in grande".

"Sono entrata nel coro quando il corso e le prove erano già iniziate perché mi piace moltissimo cantare" racconta Rachele Parlangeli, al primo anno di Giurisprudenza. "Lavoravo in un gruppo di musica popolare a Lecce e avevo voglia di continuare. Dopo solo poche lezioni, ho scoperto un mondo di tecniche affascinanti: come utilizzare la voce, come modulare il respiro, scoprire potenzialità della voce che non immaginavo".

Il segreto della forza e della magia di tante voci diverse lo spiega il Maestro Neri: "L'armonia si trova nella tecnica, quando tutte le vocali si esprimono nella maniera più simile possibile. Ogni voce ha un suo timbro (soprano, contralto, basso e tenore) ma è importante pensare come se il corpo fosse la cassa di una chitarra acustica e creare un'unica emissione e dare uniformità a tutta la sessione".

Dopo il successo della prima performance, le ragazze sono pronte a lavorare su un nuovo repertorio: "Ci sono già molte adesioni anche per la prossima edizione" dice il Maestro Neri. In vista di un ampliamento del coro stiamo studiando un repertorio di canzoni Disney in inglese, Libertango di Astor Piazzolla o ancora alcune trascrizioni dall'Opera italiana o dai musical americani". "La prova con il Coro LUISS è appena iniziata ma stiamo crescendo e spero avremo presto occasione di dimostrare la nostra forza" conclude Nyree Grifeo. "Dobbiamo tutto al Maestro che ci ha supportato tantissimo e che è una figura fondamentale nel nostro lavoro, nello stare e nel cantare assieme".

Maestro Alberto Neri Coro di Roma