Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Logo LUISS

Una serata di amore per il canto e per la musica

La nuova esibizione del coro e dell'orchestra degli studenti LUISS

Flash Mob Musica LUISS

Mercoledì 17 maggio, alle ore 19:30 nella Sala Colonne del campus di Viale Pola, gli studenti LUISS del Laboratorio di musica si esibiscono in concerto per tutta la comunità accademica. Dopo il successo dell'anno scorso, quest'anno il laboratorio condotto dal Maestro Fabrizio Adriano Neri ha affiancato l'attività del Coro Polifonico degli studenti-cantanti con la creazione di un'Orchestra Filarmonica di studenti-musicisti che accompagneranno l'esibizione.

L'esperienza della nuova edizione ha dato agli studenti l'opportunità di esibirsi in contesti diversi sia interni al campus (un flash mob nella mensa di Viale Romania e due brevi concerti in occasione della Rassegna cinematografica dedicata a musica e canto) che esterni (partecipazione a programmi televisivi e serate di beneficenza).

"Ho partecipato alle attività del laboratorio per non interrompere la mia passione per la musica" racconta Augusto Palmieri, studente della magistrale in Relazioni internazionali che nella serata ricopre sia il ruolo di pianista nell'orchestra che di basso nel coro. "Studio pianoforte da quando ero bambino e ho sempre sognato di poter unire i due mondi che frequentavo, prima il conservatorio e il liceo, poi il conservatorio e l'università. Per me la musica è il più alto linguaggio d'unione, dove la condivisone non si ferma alla sola partecipazione, ma avvicina e amalgama le persone".

Le attività musicali hanno aiutato tanti altri ragazze e ragazzi a prolungare la passione per la musica dentro l'Università. Come racconta Ludovica Tripodi, studentessa al quarto anno di Giurisprudenza e per il secondo anno tra le soprano del Coro: "Credo sia proprio questo il valore aggiunto della nostra Università: affiancare al lato accademico le nostre passioni e i nostri interessi. Temevo che il trasferimento a Roma, con tutto quel che implica (nuova città, nuovi ritmi, nuovi impegni) mi avrebbe impedito di continuare a coltivare le passioni per il canto e per la musica. Invece, grazie alla mail delle Attività culturali LUISS, più di un anno fa sono entrata in una realtà appena nata che non solo mi ha permesso di continuare ma mi ha fatto incontrare ragazzi fantastici e accrescere una stima sincera verso Fabrizio, il nostro maestro, grazie al quale stiamo imparando moltissimo".

Anche Flaminia Pinzarrone, secondo anno di Giurisprudenza, ha partecipato all'esibizione dello scorso anno come soprano e ha deciso di ripetere l'esperienza. "L'anno scorso mi sono presentata alla prima lezione del Coro senza neanche iscrivermi perché ero molto titubante. Quest'anno sono felicissima di essere parte di un progetto che sta dando grandi soddisfazioni e che continua a crescere e a migliorare. Siamo più numerosi e ci divertiamo a condividere con i nostri colleghi non solo lo studio ma qualcosa di più: una passione e un'arte che da sempre ha avuto il dono di aggregare e unire le persone. Nel corso dell'anno abbiamo ampliato il nostro repertorio inserendo anche dei numeri più dinamici di show choir e ci siamo divertiti a mettere in scena un flash mob nella mensa. Queste esperienze ci hanno reso più partecipi, uniti e carichi per il concerto del 17 maggio: il primo in cui noi e i solisti della LUISS saremo gli unici protagonisti".

Anche quest'anno la serata prevede una scaletta di brani di musica classica, operistica, tradizionale e pezzi dai più importanti musical della storia del cinema e di Broadway. Stavolta come performer unici, senza la presenza del Grande Coro di Roma. "Sant'Agostino diceva che chi canta prega due volte, e per me è stato proprio così" dice Giulia Midei, al terzo anno di Giurisprudenza. "Il canto possiede una forza travolgente e benefica che va al di là di ogni immaginazione, perché trascina, innamora, ti rende felice. E poiché il canto è musica e la musica è amore, grazie a questa nuova esperienza ho compreso quanto sia meraviglioso condividere e unire tante voci diverse. È impagabile la sensazione di sentirsi una cosa sola con altre persone che condividono questo grande amore. Sono fiera e orgogliosa di creare insieme al coro un po' di quella felicità e poterla donare agli altri".

Unico rappresentante nel coro della voce da tenore, William Praticò, studente al secondo anno di Giurisprudenza: "Sono entrato nel gruppo su consiglio di una mia amica, che sentendomi cantare Let it go in falsetto ha pensato avessi una voce adatta a cantare nel coro di cui faceva parte. Dopo qualche titubanza iniziale, ho deciso di dare una chance a un'attività divertente e impegnativa. I primi tempi la parte che mi metteva più a disagio erano gli esercizi vocali, fondamentali per potersi esibire al meglio. Il gruppo è variegato e coeso, c'è tanta voglia di fare e di dare sempre il meglio, tutti insieme siamo inarrestabili!"

"Aver condiviso dei momenti musicali con questi ragazzi e ragazze mi ha davvero entusiasmato" conclude Augusto Palmieri. "È il modo migliore per imparare a cantare insieme perché, quando c’è tanto lavoro da fare tra studio e pratica, divertirsi fa la differenza. Ora che si è creato questo bel gruppo, manca solo la possibilità di condividere questa grande passione con i nostri colleghi. Ecco perché vi aspettiamo il 17 maggio: il divertimento è garantito!"

Coro LUISS 2017