Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Logo LUISS

LUISS Open: Umanesimo Digitale, il futuro è già arrivato

Francesco Giorgino e Andrea Prencipe sul processo di cambiamento nell'era della modernità

Image preview

La postmodernità costringe a misurarsi con la complessità di molti dei processi di cambiamento in corso. Complessità vuol dire disponibilità a pensare e ad agire secondo una logica in cui il tutto è diverso dalle parti che lo compongono e in cui l'interconnessione fra sistemi diventa paradigma dominante, attraverso il quale interpretare molte delle trasformazioni in atto. Nel metodo e nel merito è questo l'approccio più appropriato per comprendere le differenti dinamiche relazionali innescate a metà strada fra la tecnologia e l'essere umano, al fine di intercettare le risposte più adeguate rispetto ad esigenze di flessibilità e di adattamento del mondo della formazione, del lavoro, dell'impresa e più in generale della società. La LUISS, impegnata con determinazione in questa sfida, sollecita e promuove una riflessione pubblica sulle caratteristiche ontologiche e fenomenologiche dell'umanesimo digitale. E lo fa con un format, ad uso prevalente dei pubblici delle proprie piattaforme social e di quelle dei propri stakeholder, denominato "Umanesimo Digitale – Dialoghi sulle Professioni del Futuro".

Anzitutto una domanda: perché "umanesimo digitale"? Cominciamo con il dare una risposta al primo segmento dell'interrogativo: perché "umanesimo"? Parlare di umanesimo significa attingere al portato semantico di una parola che invoca capacità interdisciplinare e ambizione programmatica, sotto molteplici punti di vista. Quando ci si riferisce ad un modello che mette al centro la persona in quanto io sociale e non l'individuo in quanto soggetto ripiegato in se stesso, diventa indispensabile una riflessione intorno a due categorie essenziali nella definizione dei processi di globalizzazione e digitalizzazione: la categoria dello spazio e quella del tempo. In entrambe le categorie, destinate ad intrecciarsi con continuità e regolarità, si avverte l'esigenza della centralità dell'uomo in quanto attore principale dell'esito della propria vicenda esistenziale e in quanto artefice del proprio destino, attraverso il compimento di una sequenza che preveda scelte e decisioni in linea con parametri antropologici e non e, quindi, profondamente legati all'equilibrio dinamico esistente fra "natura" e "cultura". Un dualismo quest'ultimo della cui integrazione a maggior ragione si ripropone l'urgenza, assistendo tutti noi a forme di indebolimento delle relazioni sociali e di chiusura dell'essere umano nel ristretto perimetro dell'ecosistema individuale, ovvero del processo soggettivo ed autonomo di autodeterminazione. L'uomo è stato l'autore delle innovazioni tecnologiche alla base delle più importanti rivoluzioni industriali: è stato inventore ed innovatore. E la sfida è stata quella di provare ad esserlo, rimanendo se stesso. La sua centralità va garantita con fermezza anche (soprattutto?) in questa fase di rivoluzione digitale.

Leggi il resto dell'articolo su LUISS Open