Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Logo LUISS

LUISS Open: Così un piano di investimenti può spingere il Mezzogiorno a cavalcare la globalizzazione

L'analisi del Professor Stefano Manzocchi sull'andamento economico delle regioni meridionali

45am

La globalizzazione economica non gode di buona stampa come dieci anni fa, complice la crisi scoppiata nel 2008 e le sue conseguenze; ed ha in parte mutato nel frattempo rotte, modalità e protagonisti.

Tuttavia, pur con le oscillazioni fisiologiche nel capitalismo finanziario, il grado di internazionalizzazione dell'economia mondiale è molto elevato in prospettiva storica, e dalla globalizzazione dipendono le sorti dei player come testimoniano tra l'altro gli utili e le quotazioni di molte multinazionali oppure il record di esportazioni dell'industria italiana lo scorso anno.

Non c'è dubbio, quindi, che il futuro economico del Mezzogiorno passi anche da una migliore partecipazione al sistema degli scambi internazionali.

Se è vero che le regioni meridionali hanno mantenuto una buona crescita delle esportazioni (più 8,5 percento) anche in un periodo di rallentamento della dinamica del commercio mondiale come è stato il 2016, il che indica le potenziali capacità competitive dell'area, il sostegno all'internazionalizzazione è elemento chiave per rilanciare la competitività delle imprese del Mezzogiorno a fronte della zavorra di una domanda interna debole.

Nel contesto meridionale, il miglioramento delle infrastrutture materiali e immateriali e delle condizioni per l'accesso delle imprese ai mercati esteri (oltre che del Nord Italia) non possono che procedere di pari passo: ciascun elemento da solo non garantisce un futuro per le produzioni del Sud.

Leggi il resto dell'articolo su LUISS Open