Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

LUISS Guido Carli

Logo LUISS

LabGov - Laboratorio per la governance dei beni comuni

Il percorso si rivolge agli studenti iscritti, per il 2018-2019, al II di uno dei Corsi di Laurea Triennale del Dipartimento di Impresa e Management, Scienze Politiche, Economia e Finanza o al III  anno del Corso di Laurea in Giurisprudenza. Il percorso è completamente gratuito e la frequenza comporta il riconoscimento dei Crediti Formativi Universitari previsti dal piano di studi per Altre Attività.

LabGov (in seguito la “Clinica Urbana”) è un percorso di  educazione transdisciplinare e applicata (imprenditoriale, politica, legale) gestito dal  team formazione del LABoratorio per la GOVernance della città come un bene comune composto da ex-allievi della clinica urbana, studiosi ed esperti del settore (di seguito "EDU@LabGov" – www.labgov.city) che realizza la terza missione dell’università, contribuendo a svolgere “attività di produzione di beni pubblici sociali e culturali (public engagement, patrimonio culturale, formazione continua, sperimentazione clinica, collaborazione civica)”.

La Clinica Urbana esplora i principi, le tecniche, gli strumenti e le pratiche di gestione collettiva dei beni comuni di Roma e in particolare dei suoi quartieri. Gli studenti praticano nei quartieri di Roma e nell’orto LUISS che vengono concepiti come laboratori di auto-organizzazione e cooperazione. Una parte del percorso è dedicata allo studio e all'acquisizione della conoscenza e delle competenze necessarie a delineare e implementare strategie di co-governance urbana che abilitano l’azione collettiva e l’imprenditività civica degli abitanti della città. L’obiettivo è contribuire alla riconfigurazione di specifici beni pubblici o privati di Roma come beni comuni seguendo e adattando al contesto urbano i principi di design e le metodologie elaborate dal Premio Nobel per l’economia Elinor Ostrom

Grazie alla Clinica Urbana gli studenti impareranno a costruire e sviluppare progetti concreti di innovazione socialeeconomia collaborativa (o sharing economy)rigenerazione urbana, trasformazione digitale dell’economia, resilienza ambientale attraverso i cantieri di sperimentazione urbana del progetto Co-Roma (www.co-roma.it). Gli studenti affronteranno nell’arco del percorso che si svolgerà sul campo - e quindi fuori dall’aula, nell’orto LUISS e nei quartieri di Roma - le vere sfide: imparare ad auto-organizzarsi e a cooperare, mettersi al servizio delle comunità locali per applicare nella realtà e adattare al contesto locale questa tecnologia sociale, economica ed istituzionale. Fine ultimo del percorso è quello di lavorare con comunità locali per accompagnare operazioni di rigenerazione civica dei beni comuni urbani, incubazione o accelerazione di imprese civiche e cooperative di comunità, elaborazione di politiche pubbliche utili a creare nuovi posti di lavoro, ridurre le disuguaglianze sociali ed economiche, istituzioni collettive e di prossimità, innovazione nel diritto.

Le attività della Clinica Urbana sono suddivise in:

1.       Lavoro in aula (con calendario predefinito, disponibile nel mese di settembre) - 40 ore così distribuite:

  • 10 ore (5 incontri da 2 ore ciascuno da svolgersi il venerdì dalle ore 16.00 alle ore 18.00) di incontri seminariali interattivi (i.e. workshops) con testimoni qualificati su economia, politiche, istituzioni e diritto dei beni comuni; 
  • 30 ore (5 incontri da 6 ore ciascuno da svolgersi il sabato dalle ore 10.00 alle ore 13.00, e dalle ore 14.00 alle ore 17.00) di gruppi di lavoro facilitati (i.e. sessioni di co-working) su design urbano e progettazione partecipata, comunicazione e web design, design dei servizi e organizzazione di comunità, crowdfundingfundraising e progettazione europea, architettura delle informazioni, social media e comunicazione digitale;

2.       Lavoro sul campo o fieldwork (con calendario da concordare sulla base degli impegni degli studenti e dei partner esterni) – 40 ore così distribuite:

  • 20 ore di community gardening (lavoro concreto nell’Orto di Ateneo) di cui 10 ore assistite e 10 ore auto-organizzate in turni individuali o collettivi;
  • 20 ore di teamwork (nella città o presso la sede di EDU@LabGov in Viale Gorizia) contabilizzate attraverso meccanismi di banca del tempo (cd. “commoning machine”) definiti ex ante e costantemente aggiornati da EDU@LabGov.

L'ammontare totale delle ore è dunque pari a 80.

Descrizione delle attività

  • workshops saranno curati scientificamente dai professori Sheila Foster (co-direttore), Paola Cannavò, Christian Iaione (co-direttore), Francesco Rullani, Paolo Peverini. Altri esperti dei vari argomenti verranno invitati a condividere le loro esperienze e conoscenze per promuovere una riflessione attiva dei partecipanti;
  • Le sessioni di co-working saranno caratterizzate da un approccio esperienziale cui verrà sempre affiancato un supporto didattico e una pratica laboratoriale. Verranno ospitati professionisti della comunicazione, della progettazione urbana, del service design, del platform design o architettura dell’informazione, del crowdfunding e di altre forme di fundraising, business modeling e legal/policy advising;
  • Il fieldwork rappresenta una parte significativa delle attività. Gli studenti dovranno dimostrarsi disponibili a lavorare sul campo, dunque all’esterno dell’aula e dell’università. Una parte fondamentale del fieldwork avrà ad oggetto l’organizzazione e la realizzazione di una “pratica urbana”, una giornata di rigenerazione civica di uno o più beni comuni urbani da realizzarsi in uno dei cantieri di sperimentazione del progetto Co-Roma. La pratica urbana si terrà il 4 maggio 2019.

I workshops, le sessioni di co-working e il fieldwork del Laboratorio verranno gestiti e coordinati da EDU@LabGov.

Il calendario sarà disponibile nel mese di dicembre.

Le attività didattiche si alterneranno e saranno concentrate in sei week-end del secondo semestre dell’A.A. 2018/2019. La partecipazione alla pratica urbana è obbligatoria e rientra di default nell’ambito delle ore

Regole Generali

  • Affinché siano riconosciuti i crediti formativi è richiesto agli studenti di raggiungere un monte ore pari all’80% del totale delle ore previste dal percorso. Le 64 ore di presenza dovranno essere così distribuite:
    • 32 delle 40 ore di lavoro in aula previste (almeno 8 di workshop, almeno 24 di co-working);
    • 32 delle 40 ore di fieldwork previste (almeno 16 di community gardening, almeno 16 di teamwork, nell’ambito delle quali le ore di pratica urbana sono obbligatorie);
  • Una volta scelto il percorso, lo studente non potrà acquisire i Crediti Formativi Universitari per Altre Attività attraverso altre modalità;
  • Sono esclusi dal percorso tutti gli studenti che abbiano già conseguito i Crediti Formativi Universitari previsti dal loro piano di studi per Altre Attività, che abbiano già iniziato la frequenza dei corsi di lingua opzionale o qualunque altra attività per la cui frequenza è previsto il riconoscimento di CFU.

Ulteriori Informazioni

  • Un tutor sarà incaricato della registrazione delle presenze, che avverrà attraverso la firma di un registro. La mancata firma sarà considerata come assenza. Le ore di fieldwork saranno calcolate a parte, ma comunque computate ai fini del riconoscimento dei CFU, secondo quanto sopra indicato. Saranno registrato orario preciso di ingresso e di uscita ai fini del raggiungimento della soglia minima di ore;
  • Sono disponibili al massimo 30 posti; la selezione dei partecipanti avverrà unicamente sulla base di un criterio cronologico di iscrizione; il numero massimo di partecipanti si riferisce agli studenti provenienti da tutti i Dipartimenti interessati;
  • Il percorso sarà attivato a condizione che venga raggiunto un numero minimo di partecipanti pari a 15;
  • Tutte le attività in aula si svolgeranno il venerdì pomeriggio (16:00/18:00) e il sabato (10:00/13:00 – 14:00/17.00). Le ore di fieldwork saranno concordate con il team di EDU@LabGov sulla base dell’andamento delle attività di progetto;
  • Le attività di aula si svolgeranno prevalentemente nelle sedi LUISS;
  • Nessuna attività didattica si sovrapporrà alle sessioni di esame.

Adesioni

Per aderire all'iniziativa, gli studenti iscritti, per l'anno accademico 2018/2019, al V anno del Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Giurisprudenza, che hanno scelto in passato di acquisire i CFU tramite Altre Attività (SJ1), dovranno inviare una e-mail a softskills@luiss.it, nel periodo compreso tra il 1 e l’8 giugno 2018, indicando il proprio nome e cognome e la matricola e specificando il corso che intendono frequentare. Non saranno prese in considerazione le richieste che perverranno al di fuori del periodo indicato.

Gli studenti iscritti invece al I anno, per l'a.a. 2017/2018, di uno dei Corsi di Laurea Triennali dei Dipartimenti di Impresa e Management, Economia e Finanza, Scienze Politiche, o al II anno, per l'a.a. 2017/2018, del Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Giurisprudenza potranno selezionare, direttamente dal Web Self Service, contestualmente alla compilazione del piano di studi il corso Soft Skills che intendono frequentare per acquisire i CFU.

Il calendario sarà disponibile nel mese di dicembre.

Per maggiori informazioni:

Coordinamento scientifico: Elena De Nictolis

Tutor: Benedetta Gillio e Alessandro Antonelli

edu@labgov.it | www.labgov.it