Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

Luiss Guido Carli

Logo LUISS

LUISS Open: Venture capital e diversità nell'industria tecnologica

Un estratto del libro La guerra di Ellen. Una lotta per la parità e l'inclusione nella Silicon Valley

02pm

Il brano è estratto dal libro La guerra di Ellen, di Ellen K. Pao, manager, venture capitalist e attivista, in libreria per LUISS University Press.

Nella primavera del 2007 seguivo alcuni account interessanti su Twitter, una nuova startup che aveva sede nella stessa via dove abitavo. Twitter era ancora molto piccola, aveva circa venti dipendenti, tanto da poter mandare un'email direttamente al fondatore Jack Dorsey e organizzare un incontro con lui nel giro di un'ora. Cominciai a utilizzare la piattaforma. Wow, pensai, è davvero intrigante. Non so perché, ma in qualche modo mi diverte sapere cosa ha mangiato Jack a colazione. Come fanno queste persone a essere così simpatiche e brillanti in 140 caratteri? C'era qualcosa di reale, di immediato, nella possibilità di avere intrattenimento e informazioni sempre disponibili, a qualsiasi ora e in qualsiasi posto. Gli utenti mostravano un grande senso dell'umorismo. Si poteva stabilire un contatto con loro senza sapere tutto di loro. Mi ricordava gli scambi di email e le prime piattaforme di messaggi ai primordi di internet.

"Qui c'è qualcosa di poderoso" dissi a un collega in Kleiner. L'attenzione del CEO al prodotto e il suo potenziale mi avevano fatto davvero un'ottima impressione. Volevo saperne molto di più e vedere cosa ne pensavano gli altri. Ogni volta che provavo a spiegare il mio fervore, tutti i miei colleghi partner mi mandavano da Matt, che aveva già studiato il progetto Twitter e lo aveva scartato. Provai a passargli il mio entusiasmo per quella piattaforma e per le sue potenzialità. Le persone stavano cominciando a preferire Twitter allo scambio di sms, e ciò costituiva un'evoluzione nell'utilizzo stesso del telefono cellulare: Twitter rappresentava un modo per entrare in contatto con nuove persone, in un istante. Parliamo del periodo in cui l'iPhone venne lanciato per la prima volta, quindi prima dell'App store, prima delle app in generale, e la visione che Jack aveva avuto sul potenziale del telefono cellulare era davvero sbalorditiva. Non pensavo affatto che esagerasse, ero convinta che avrebbe potuto farcela e che ce l'avrebbe fatta. E avrebbe dato alla gente qualcosa da fare con quei cellulari che tutti stavano cominciando a comprarsi.

"Ma non hanno un modello di business" mi ripeteva Matt ogni volta. "Jack non è un uomo d'affari. Non andranno da nessuna parte. È un investimento da scartare".

"Va bene" dissi, e lasciai stare. In Jack avevo visto qualcuno con un prodotto convincente e una grande visione, magari non del tutto chiara ma comunque impressionante, Matt invece vedeva qualcuno che non soddisfaceva il nostro schema per avere successo dell'epoca. Jack era introverso e serioso; aveva abbandonato l'università, ma non un ateneo come Stanford o Harvard, e aveva messo su Twitter come servizio di prenotazione taxi prima di ampliarlo, cioè facendolo diventare qualcosa di molto diverso e parecchio cool. La sicurezza di Matt nella sua stessa capacità di giudizio e nella sua decisione era irremovibile e definitiva. E nessun altro avrebbe dato retta a me.

Leggi il resto dell'articolo su LUISS Open