Al fine di migliorare la tua esperienza di navigazione, questo sito utilizza i cookie di profilazione di terze parti. Chiudendo questo banner o accedendo ad un qualunque elemento sottostante acconsenti all’uso dei cookie.

Luiss Guido Carli

Logo Luiss

Associazione Rondine Cittadella della Pace

  • Periodo di svolgimento delle attività: due settimane, da concordare con il partner, nel periodo tra lunedì 8 luglio ed il 3 agosto 2019 
  • Sede di svolgimento delle attività: Rondine (AR)    

Rondine Cittadella della Pace è un’organizzazione che si impegna per la riduzione dei conflitti armati nel mondo e la diffusione della propria metodologia per la trasformazione creativa del conflitto in ogni contesto.

L’obiettivo è contribuire a un pianeta privo di scontri armati, in cui ogni persona abbia gli strumenti per gestire creativamente i conflitti, in modo positivo.

Rondine nasce in un borgo medievale toscano a pochi chilometri da Arezzo, in Italia: qui si strutturano i principali progetti di Rondine per l’educazione e la formazione. Un luogo di rigenerazione dell’uomo, perché diventi leader di se stesso e della propria comunità nella ricerca del bene comune.

Il progetto che dà origine e ispirazione a Rondine è lo Studentato Internazionale – World House, che accoglie giovani provenienti da Paesi teatro di conflitti armati o post-conflitti e li aiuta a scoprire la persona nel proprio nemico, attraverso il lavoro difficile e sorprendente della convivenza quotidiana.

I volontari saranno coinvolti in tutte le attività della cooperativa, fornendo, inoltre, sostegno alle attività di insegnamento della lingua italiana.

Gli studenti che decideranno di impegnarsi in questa opportunità di volontariato, acquisiranno competenze trasversali ed avranno l'opportunità di apprendere storia, mission e modus operandi della onlus.

Gli studenti alloggeranno presso una struttura nelle vicinanze del borgo di Rondine. Per i pasti principali i volontari saranno ospiti della Locanda.
Gli spostamenti rimangono a carico dei partecipanti, è pertanto consigliabile che gli studenti siano automuniti.